Moratti conferma: "Vedrò Thohir" (che vuole la maggioranza)

Nei prossimi giorni nuovi contatti per l'ingresso nel club del magnate indonesiano che vuole subito il 60%

A sinistra, Erick Thohir che punta alla maggioranza dell'Inter (Credits: Patrick McDermott/Getty Images)

Anche Massimo Moratti ha confermato che quella che si apre sarà una settimana importante nella trattativa per la cessione dell'Inter al magnate indonesiano Thohir. In un momento di relax a Forte dei Marmi, il presidente nerazzurro ha risposto ad alcune domande: "Per Thohir date tutto per scontato. Da buon tifoso ci credo, ma ci sono poche cose vere di quello che leggo. Credo che questa settimana ci saranno ancora degli incontri, ma siamo lontani dalla definizione".

Più cauto sull'ipotesi che il mercato possa dipendere dall'esito veloce della trattativa: "Guarin e Handanovic incedibili col suo arrivo? Il mercato non c’entra nulla con questa cosa, per chiarirci. Non so se l'Inter è avanti per Nainggolan, per adesso stiamo a guardare ma con la Roma non c'è alcun braccio di ferro".

Resta però il fatto che Erick Thohir sta facendo terribilmente sul serio. Se fino a venerdì infatti sembrava che il magnate indonesiano si potesse accontentare di una quota di ingresso attorno al 30-40%, ieri è emerso che invece il suo disegno prevede l'immediato acquisto del pacchetto di maggioranza, attorno al 60% lasciando per un anno la presidenza non solo onoraria ma effettiva a Moratti e mantenendo inalterati anche i quadri societari. Insomma, un ingresso con calma e non a piedi uniti per cercare di non stravolgere l'ambiente. L'idea però, in caso di minoranza, è di piazzare comunque 6 persone nel consiglio d'amministrazione dell'Inter (composto da 15 persone).

Di sicuro se Moratti rifiutasse Thohir acceterebbe di entrare nell'inter come socio di minoranza solo con la garanzia (scritta) di diventare proprietario di maggioranza nel giro di un paio di stagioni.

Incerta al momento è l'ammontare della cifra che Thohir ha messo sul piatto. C'è chi parla di una cifra vicina ai 200 milioni di euro per il 40% e di 330 milioni per il 60%.

E' evidente che si tratta di una settimana importante anche perché il tutto va deciso e definito entro il 31 di luglio. Probabile che per questo prima o poi si muova lo stesso Thohir che ad oggi non ha mai incontrato di persona Massimo Moratti. Al momento non risultano esserci voli prenotati per Milano, ma la cosa non è di certo un problema...

© Riproduzione Riservata

Commenti