Clamoroso Ibra: "Voglio tornare alla Juve"
Ansa
Clamoroso Ibra: "Voglio tornare alla Juve"
Sport

Clamoroso Ibra: "Voglio tornare alla Juve"

La confidenza del suo ex tecnico: "Me l'ha detto e non farà una questione di soldi". Ma il progetto pare impossibile proprio per il maxi stipendio di Zlatan - Vota il sondaggio

Al momento è solo una voce, raccolta da un vecchio tecnico amico del giocatore e rilanciata alla vigilia di un'amichevole che non avrà quasi alcun contenuto dal punto di vista tecnico e tattico. Sono bastate, però, le parole pronunciate da Stefan Hansson, allenatore della selezione indonesiana che sfida la Juve ed ex tecnico di Zlatan Ibrahimovic, a incendiare l'immaginazione dei tifosi juventini. Hansson, 56 anni, ha raccontato infatti di aver sentito Ibra via Skype e di aver raccolto da lui una confidenza: "Voglio tornare alla Juve". Parole che lo svedese avrebbe pronunciato spiegando di essere pronto anche a un sacrificio pur di coronare il sogno di fine carriera: "Mi ha detto che vorrebbe tornare alla Juve, se non quest'anno il prossimo, e che non ne fa una questione di soldi". Ecco, i soldi. Seguendo la logica sono proprio quelli a rendere impossibile il progetto di Zlatan, che a Parigi viene trattato da re e che ha uno degli stipendi più pesanti dell'intero calcio mondiale: 15 milioni di euro netti a stagione con scadenza giugno 2016.

Un trattamento che la Juventus non potrà mai garantirgli, dal momento che il tetto per i salari in casa bianconera è attestato intorno ai 5,5 milioni di euro. Vi immaginate l'effetto sullo spogliatoio? Però fa specie anche solo sentire che Ibra vuole di nuovo la squadra che lo ha portato nel grande calcio, prendendolo dall'Ajax quando era ancora un campione acerbo e iniziando l'opera di costruzione di un fenomeno. Era l'inizio degli anni Duemila e la storia si è interrotta con calciopoli nell'estate del 2006. In due stagioni ha fatto in tempo a mettere insieme 92 presenze con 26 gol per poi passare all'Inter di Mancini che avrebbe lasciato giusto alla vigilia della conquista della Champions League, la sua maledizione. La logica dice che non esiste alcun margine per il ritorno a Torino e che quella fatta ad Hansson resterà solo una confidenza di metà estate. Però il calciomercato è fatto anche di sogni e coincidenze e sarebbe davvero incredibile che il ritorno avvenisse quando a Torino è sbarcato anche Massimiliano Allegri, uomo che ha allenatore Zlatan per altri due anni (dal 2010 al 2012) conquistando con lui uno scudetto e perdendone uno, record, nella stagione della prima Juve di Conte.

Secondo il racconto di Hansson, Ibrahimovic ha parlato nelle ore in cui ha trascinato il Psg alla conquista del primo trofeo della stagione. I parigini hanno vinto la Supercoppa francese battendo 2-0 il Guingamp con doppietta firmata proprio dallo svedese che nella passata stagione ha marciato con numeri da record: 41 gol in 46 presenze di cui 10, suo primato personale, in Champions League. Ha 32 anni compiuti, ma il tempo sembra essersi fermato con lui. Per la Juventus sarebbe un colpo eccezionale dal punto di vista tecnico e la coppia con Tevez sarebbe da sogno. Troppi condizionali, però, perché qualcosa possa diventare concreto. A meno che la corte serrata del Psg al talento di Pogba non apra qualche spiraglio ad oggi invisibile...

Ti potrebbe piacere anche

I più letti