Guarin-Inter: a marzo la firma sul rinnovo

Dalla possibile cessione alla Juventus a un contratto da 3 milioni (più bonus) fino al 2017: la parabola di Fredy

Fredy Guarin – Credits: Getty Images Sport

Nicolò Schira

-

Fredy Guarin è tornato al centro del progetto interista di Walter Mazzarri. La prestazione sontuosa fornita contro la Fiorentina ha convinto tutti in casa nerazzurra sulla scelta operata in merito alla mancata cessione del colombiano alla Juventus. L'ex Porto ora, però, si attende un giusto riconoscimento economico. Da oltre sei mesi il classe '86 attende un ritocco dei propri emolumenti. Una promessa fatta nella scorsa estate dall'allora Responsabile dell'Area Tecnica Marco Branca. A fine mese il suo agente, Marcelo Ferreyra, tornerà a Milano per incontrare Piero Ausilio e Marco Fassone.

L'intenzione è di prolungare sino al 2017 l'attuale contratto in essere (scadenza 2015); con innalzamento dell'ingaggio a tre milioni di euro netti a stagione più bonus. Sulla parte variabile e sui benefit le parti devono ancora ragionare, ma il club di Corso Vittorio Emanuele appare intenzionato, questa volta, a mantenere la parola data. Da partente a pilastro del nuovo corso: in poche settimane si è capovolto il mondo di Guarin. La sirene juventine anche per la prossima estate si stanno attenuando e negli ultimi giorni si sono interrotti i contatti fra Paratici e l'entourage del numero tredici. Pronto a riportare l'Inter in Europa e a caccia di trofei a partire dal prossimo campionato. Da Jakarta è già arrivato l'avallo di Erick Thohir per il ritocco contrattuale. Per inizio marzo sono previste le firme di rito e i titoli di coda su quello che è stato, senza dubbi, il tormentone dell'ultima sessione invernale di calciomercato.

© Riproduzione Riservata

Commenti