Gruppo E: l'Ecuador
Getty Images
Gruppo E: l'Ecuador
Sport

Gruppo E: l'Ecuador

Valencia guida un gruppo che ha stupito nelle qualificazioni sudamericane - Speciale mondiali

Gruppo:  E con Svizzera, Francia e Honduras

Presentazione: L'Ecuador si è qualificata alle spalle di Argentina, Colombia e Cile ma davanti all'Uruguay con 25 punti e la prospettiva di essere una delle sorprese del mondiale. L'ottimismo impone alla squadra diretta dal ct Reinaldo Rueda di sognare il risultato del 2006: gli ottavi di finale che restano la miglior posizione mai raggiunta. In rosa ci sono giocatori di spessore come Valencia e giovani che vantano già molte presenze in Europa e in patria. In un girone difficile come il gruppo E qualificarsi non sarà semplice ma la consapevolezza dell'Ecuador passa da un girone di qualificazione che ha mostrato un 11 solido e pericoloso. 

Convocati: Portieri: Maximo Banguera (Barcellona, Ecuador), Alexander Dominguez (LDU), Adrian Bone (El Nacional).Difensori: Jorge Guagua, Gabriel Achilier e Oscar Bagui (Emelec), Juan Carlos Paredes (Barcellona, Ecuador), Frickson Erazo (Flamengo), Walter Ayovi (Pachuca) e Cristian Ramirez (Fortuna Dusseldorf).Centrocampista: Pedro Quinonez (Emelec), Luis Fernando Saritama (Barcelona, Ecuador), Carlos Gruezo (Stoccarda), Antonio Valencia (Manchester United), Segundo Castillo (Al Hilal), Cristhian Noboa (Dinamo Mosca) e Renato Ibarra (Vitesse).Attaccanti: Armando Wila (Universidad Catolica), Jefferson Montero (Morelia), Jaime Ayovi (Tijuana), Fidel Martínez (Tijuana), Enner Valencia (Pachuca), Joao Rojas (Cruz Azul) e Felipe Caicedo (Al Jazira). 

La probabile formazione: (4-4-2) - Dominguez, Paredes, Guagua, Erazo, Ayovì, Valencia, Noboa, Castillo, Montero, Valencia, Caicedo. 

Le stelle: Luis Antonio Valencia è la stella assoluta in patria. Ala del Manchester United ha raccolto 127 presenze con i Red Devils superando un terribile infortunio che lo ha tenuto lontano dai campi per quasi un anno. Ha recuperato ed è pronto a guidare i compagni di nazionale verso un'impresa che sarebbe comunque storica. Le 67 presenze e 8 gol con la nazionale confermano quanto sia fondamentale per il gioco di Rueda. 

I giovani da tenere d’occhio: Felipe Caicedo guiderà l'attacco della nazionale con il suo bagaglio d'esperienza già fatta in Premier League, Liga e in Portogallo. Classe 1988 la scorsa stagione ha deciso di accettare l'offerta da Dubai dopo 52 presenze e 11 gol con la Lokomotiv Mosca. La migliore stagione al LEvante con 27 presenze e 13 gol mentre nel 2008/2009, al Manchester City, di gol ne aveva segnati 4 in 27 presenze. 

L’allenatore: Reinaldo Rueda ha già guidato le nazionali di Honduras e Colombia, la sua patria, che aveva guidato anche nell'under 20. Personaje del año in Honduras è stato scelto per guidare una nazionale che giocherà con il 4-4-2 più quadrato del Sudamerica. Difficile da sorprendere in contropiede, solido e pronto a ripartire con la velocità del suo attacco. Passare il girone sarebbe già un successo, l'Ecuador giocherà ogni partita con la serenità di chi non ha niente da perdere. 

Ti potrebbe piacere anche

I più letti