calciomercato giocatori scadenza contratto 2019 parametro zero
Getty Images.
calciomercato giocatori scadenza contratto 2019 parametro zero
Sport

Svincolati: Rabiot e gli altri migliori colpi low-cost

I nomi che i club devono segnarsi in agenda per la stagione 2015-2016. A partire dal centrocampista del Psg, sempre più vicino alla Roma

Colpo a parametro zero: una definizione sempre più in voga nell'asfittico calciomercato italiano, sempre più impoverito e costretto a barcamenarsi in affari low-cost per cercare di reggere l'urto contro le super potenze del Vecchio Continente. Al proposito, tanti calciatori vanno in scadenza nel giugno 2015, ma già dal primo febbraio del prossimo anno i club possono depositare i contratti relativi al loro tesseramento per la stagione successiva. Panorama.it ha deciso di avventurarsi nelle pieghe più riposte del mercato inerente i cosiddetti svincolati di lusso, passando in rassegna, ruolo per ruolo, tutti i nomi più appetibili.

PORTIERI - Un poker di nomi di grande affidabilità ed esperienza. Può liberarsi dalla Vecchia Signora Gianluigi Buffon, anche se il portierone della Nazionale è già pronto a prolungare con i bianconeri sino al 2017. In scadenza anche Christian Abbiati e Jean Francoise Gillet, rispettivamente con Milan e Torino, anche se entrambi resterebbero volentieri negli attuali club di appartenenza, rinnovando per un'altra stagione. Infine, il brasiliano Neto: da elemento perennemente in discussione a certezza della compagine Viola. Il pupillo di Montella è esploso alla Fiorentina e ora vuole la certezza di un posto da titolare, congiunto a un adeguamento del salario. Altrimenti potrebbe spiccare il volo verso altri lidi.

DIFENSORI - Sarà l'estate dei terzini destri. Tutti i principali specialisti del ruolo si liberano a zero euro. Da Dani Alves (Barcellona) a Maicon (Roma), passando per gli italiani Ignazio Abate (Milan) e Cristian Maggio (Napoli) sino alla freccia elvetica della Juventus Stephan Lichtsteiner. Destino differente per i due laterali brasiliani: il primo considera concluso il suo ciclo in Spagna e sogna la Premier League, dove ha avuto contatti con Manchester City e Chelsea. Il secondo prolungherà il proprio contratto con la Roma: da stabilire solo la durata. Le quotazioni di una permanenza di Abate in rossonero sono in crescita e Mino Raiola lavora già al rinnovo sino al 2017 del suo assistito; mentre il ciclo partenopeo di Maggio sembra essersi esaurito. Tutto da decifrare il caso riguardante il n° 26 della Vecchia Signora. Pilastro dell'undici titolare, ma ancora sotto stimato a livello economico dalla dirigenza di Corso Galileo Ferraris. Le manovre per adeguare il contratto sono appena iniziate e c'è ancora distanza fra le parti: alla finestra club inglesi, tedeschi e il Psg. Esperienza miscelata alla gioventù per il pacchetto centrale: si va da Fabian Schar del Basilea ad un usato sicuro come Hugo Campagnaro (Inter). Entrambi sono pronti a voltare pagina. Conferma possibile ma non scontata per Daniele Bonera al Milan. Da valutare le situazioni riguardanti Nicolas Burdisso (Genoa) e Miguel Angel Britos (Napoli).

CENTROCAMPISTI - Anche in questo settore l'abbondanza regala opportunità per ogni evenienza. Per chi cercasse un metronomo davanti alla difesa, i nomi sono quelli di Sami Khedira (Real Madrid) e Cristian Ledesma (Lazio). Il primo gudagna tanto ed è conteso da Arsenal e Chelsea. Il secondo può rappresentare un surrogato da cifre decisamente più contenute. Più di sostanza e votati alla fase di interdizione il camerunense Mbia (Qpr) e l'olandese Nigel De Jong (Milan). L'ex Siviglia in estate era stato seguito dall'Inter; mentre il numero trentaquattro rossonero dovrebbe essere blindato da Galliani sino al 2017. Qualità ed estro in abbondanza per chi dovesse puntare su Alberto Aquilani (Fiorentina) o Rafael Van der Vaart (Amburgo). Alla fine il primo dovrebbe prolungare per altre due stagioni con i toscani; mentre mezza Europa sta facendo un pensierino all'ex Real Madrid, che a trent'anni può ancora fare la differenza e magari togliersi finalmente l'etichetta di eterno incompiuto. Il craque nel settore si chiama Adrien Rabiot: la stellina classe '95 del Psg è corteggiata da Arsenal, Juventus, Inter e Roma. Favoriti i giallorossi, non solo per le recenti parole del francese (che ha detto di non sapere perché non giochi già nel club di Pallotta), ma anche e soprattutto per la possibilità di spendere 4-5 milioni cash per acquistarlo in anticipo già a gennaio. Una soluzione che incontra il gradimento anche dei transalpini, che comunque a loro volta hanno formulato una proposta di rinnovo sino al 2019 al calciatore.

ATTACCANTI - Piatto ricco mi ci ficco. I colpi più suggestivi risiedono in questa zona del campo. Per chi volesse puntare sulla classe cristallina di un fantasista, l'indirizzo è Torino sponda juventina, laddove Sebastian Giovinco non dovrebbe rinnovare il proprio rapporto con la Vecchia Signora. Velocità e imprevedibilità sono le doti di rappresentanza di Andrè Ayew: il folletto del Marsiglia è stato proposto a Inter e Napoli e sogna di sbarcare in Italia. Il reparto scommesse intriganti propone il brasiliano Alexandre Pato, caldeggiato a mezza Serie A dai suoi rappresentanti e voglioso di tornare protagonista nel Vecchio Continente. Altrettanto affascinante la pista che conduce a Emmanuel Adebayor (Tottenham): forza fisica stripante da plasmare e maneggiare con cura. E ancora: in passato ha solo sfiorato la Serie A a causa di un ingaggio troppo elevato, ma chissà che non possa chiudere la sua avventura calcistica proprio alle nostre latitudini Didier Drogba (Chelsea). La carta d'identità è ingiallita, ma part-time può ancora essere letale. Gol a grappoli in mezza Europa, tranne nella stagione al Milan: Jan Klaas Huntelaar ha un conto in sospeso con l'Italia e vorrebbe prendersi una rivincita, anche se le offerte più intriganti per l'olandese dello Schalke 04 provengono dalla Premier League. Infine due goleador nostrani: Marco Borriello (Roma) e Giampaolo Pazzini (Milan). Il primo dirà addio alla Capitale ed è affascinato da un'esperienza nell'MLS americana. Il "Pazzo" invece resterà in Italia, da capire con quale casacca, visto che alla corte di Pippo Inzaghi sta giocando con il contagocce.


Ti potrebbe piacere anche

I più letti