Formula 1

Ferrari: Vettel a Jerez, si comincia

Oggi al via sulla pista spagnola i primi test della stagione. La SF15-T è più bella rispetto alla F14-T: sarà anche più veloce?

x

Dario Pelizzari

-

Ha detto bene Kimi Raikkonen nel salutare la nuova nata di casa Ferrari: "Di solito le macchine belle sono anche buone". Appunto, di solito. Perché altrimenti andrebbe pesantemente riveduto e corretto il ricordo strappalacrime della Tyrrell P34, che nel 1976 si presentò in pista bella e rivoluzionaria per via delle sei ruote. La monoposto, ideata dal progettista inglese Derek Gardner, il papà di tutte le Tyrrell anni Settanta, rappresentò sotto il profilo sportivo una delusione senza fine, un fallimento da chiudere a doppia mandata negli archivi e dimenticare per sempre. Una vittoria e una pole in 30 gare. Più o meno quanto ha raccolto la Ferrari dell'ultimo biennio. La SF15-T presentata ieri l'altro a Maranello (clicca qui per guardare le immagini) è senza dubbio più "sexy" (per fare nostro lo slancio emozionale del nuovo numero uno della Ges, Maurizio Arrivabene) rispetto a quella dello scorso anno. E' cambiato il muso, che come quello di tutte le altre monoposto 2015 è diventato più sinuoso e accomodante, ed è aumentata e non di poco la portata d'aria nelle fiancate per migliorare il raffreddamento.

Anche se la vera novità, quella pesante, l'unica in grado di fare davvero la differenza in pista, è nascosta sotto la scocca. La potenza del motore, primo grande limite della F14-T piccola e impossibile al confronto della Mercedes straripante, è infatti aumentata di 80 cavalli. Mica robetta, soprattutto se si considera che il gap con la macchina tedesca era misurato in circa 50. Vero, gli sviluppi ci sono stati per tutti ed è lecito pensare che pure la Mercedes abbia fatto un salto di qualità non indifferente, epperò da qualche parte bisognava pur cominciare. L'obiettivo per il campionato 2015? Nulla di nuovo, si corre per crescere, per migliorare di gara in gara, con la speranza, tutta da verificare, di arrivare alle corse di fine anno con il vento in poppa per progettare con il sorriso il ritorno al vertice dal 2016.


 

Sebastian Vettel, il quattro volte campione del mondo sbarcato a Maranello con il sogno svelato di ripetere l'avventura meraviglioso di tal Michael Schumacher, pensa positivo. "All’inizio sarà difficile - ha fatto sapere l'ex pilota Red Bull - L’importante però è progredire subito nei test. Sono fiducioso". Ecco, i test. Sul circuito andaluso di Jerez de la Frontera è iniziata ufficialmente stamane la nuova stagione della Formula 1. In pista, grandi campioni e nuove speranze. Da Alonso (McLaren) a Sainz (Toro Rosso), da Rosberg (Mercedes) a Ericsson (Sauber), e poi ancora Ricciardo (Red Bull), Bottas (Williams), Maldonado (Lotus) e, appunto, Vettel, che comincerà a macinare giri e a raccogliere indicazioni sulla nuova monoposto. 

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Lo "stickering" della Ferrari SF15-T

Ferrari 1995-2014: tutte le monoposto

Nell'attesa della presentazione della macchina 2015, prevista per il 30 gennaio, ecco immagini e risultati di tutte quelle che l'hanno preceduta

Le nuove monoposto del Mondiale 2015

Presentate tutte (o quasi) le macchine che prenderanno il via della nuova stagione della Formula 1. La Red Bull temporeggia con la mimetica

Commenti