Trionfo Vettel in Corea. Ora Alonso deve inseguire

Monologo Red Bull a Yeongam e sorpasso in classifica: +6. Ferrari mai vicina alle rivali. Il mondiale è volato via?

Giovanni Capuano

-
 

E adesso alla Ferrari è suonato l'allarme rosso, perché dopo il Gp di Corea del Sud Vettel ha compiuto il sorpasso su Alonso che significa, a quattro gare dalla fine del mondiale, che lo spagnolo dovrà inventarsi qualcosa di speciale se non vorrà essere beffato dal tedesco della Red Bull. A Yeongam è andato tutto come da pronostico: ha vinto Vettel (quarto successo stagione, 25° in carriera) davanti a Webber e il ferrarista Alonso è salito sul podio senza, però, dare mai l'impressione di poter insidiare il rivale. In classifica il sorpasso è compiuto: Vettel 215 punti, Alonso 209, Raikkonen 167. Tutti gli altri sono fuori dalla corsa: Hamilton 153, Webber 152.

DOMINIO VETTEL - Il campione del mondo della Red Bull è scattato bene dalla griglia, ha duellato con il compagno di squadra Webber per le prime curve e poi ha salutato il resto del gruppo. Dopo i primi 10 giri aveva già un vantaggio di oltre 11'' su Alonso, terzo grazie a un'ottima partenza che gli ha permesso di saltare Hamilton. Da lì in poi è stato un monologo anche un po' noioso. Nessuna emozione dai pit stop. Quando Webber è stato più veloce del compagno (è accaduto nella parte centrale del gran premio) si è comunque tenuto a distanza di sicurezza. Vettel ha commesso un solo errore al 35° giro quando è andato lungo spiattellando le gomme ma, per sua fortuna, era ormai vicino al rientro ai box e non ci sono state conseguenze.

ALONSO SENZA ACUTI -  La Ferrari sperava di avere un passo gara migliore rispetto alla Red Bull. Non è accaduto. Alonso è rimasto sul podio per tutta il Gp senza mai avvicinarsi a Webber che lo precedeva e che lo ha tenuto a distanza. Massa è partito bene (era 6°) e dopo aver passato un Hamilton in difficoltà per tutta la giornata ha dimostrato di poter dare fastidio anche al compagno salvo poi, come ovvio, rimanere a fargli da scudiero. Per il brasiliano ulteriori segnali di vitalità: la conferma è un passo e dopo la sosta di agosto sta viaggiando meglio di Alonso (66 punti contro 45). Peccato non si sia svegliato prima. La Ferrari è seconda nel mondiale costrutturi ma lontanissima dalla Red Bull.

"SONO MOLTO FELICE" - La gioia di Vettel: "Sono molto felice per come è andata. Gara fantastica in cui era importante partire bene perché avevo qualche timore partendo dalla parte sporca della pista". Sul podio rideva e ne aveva tutte le ragioni. Lo sviluppo della sua Red Bull è evidente e oggi la sua macchina è più veloce della Ferrari di Alonso. Dopo le ferie di agosto ha messo insieme 93 punti, più del doppio del rivale che da 8 gare era in testa alla classifica. Segnali importanti.

MANCANO QUATTRO GARE - Alla fine del mondiale mancano solo quattro Gp. Si torna in pista in India (28 ottobre), poi Abu Dhabi (4 novembre), Austin Usa (18 novembre) e Brasile (25 novembre) per la festa ai campioni.

© Riproduzione Riservata

Commenti