F1, Gp Ungheria: anticipazioni, quote, orari e precedenti

Sulla pista dell'Hungaroring, Hamilton proverà a superare Schumacher nella classifica dei piloti più vincenti del tracciato ungherese. Ferrari da rincorsa

Lewis Hamilton, quattro volte primo sulla pista di Budapest – Credits: EPA/JENS BUETTNER

Dario Pelizzari

-

Pole e primo posto nel 2013, pole e primo posto nel 2012. Cambia la scuderia (prima la McLaren, poi la Mercedes), non cambiano motore e pilota. Sul tracciato ungherese, Lewis Hamilton ha fatto la doppietta nelle ultime due stagioni, precedendo sul traguardo in entrambe le occasioni il Kimi Raikkonen versione deluxe, quello della striscia di 27 gare consecutivi a punti, un mezzo miracolo che oggi sa di nostalgia. Dopo il capitombolo rimediato durante le qualifiche in Germania, che non gli ha consentito di lottare ad armi pari con il compagno di squadra Nico Rosberg, il britannico della Mercedes si appoggia al Gran premio dell'Ungheria per disegnare la mappa del rilancio. La classifica dice Rosberg 190 ed Hamilton 176, uno sbuffo e cade il cappello.

Hamilton come Michael Schumacher, nell'attesa del sorpasso. Lewis da Stevenage si è guadagnato lo scorso anno il pass per l'Olimpo dell'Hungaroring, raggiungendo a quota 4 lo sfortunato collega tedesco nella lista che mette in fila i piloti con il maggior numero di vittorie. Hamilton ha fatto centro nel 2007, 2009, 2012, 2013 con due scuderie diverse. Come Schumacher, che suonò la prima campanella nel 1994 sulla pancia della Benetton e infilò la tripletta (1998, 2001 e 2004) ai comandi della Ferrari. A proposito dell'ex fuoriclasse del Cavallino. Dalla clinica svizzera nella quale è ricoverato da metà giugno fanno sapere che i miglioramenti sono costanti e che presto, magari prima dell'estate, potrebbe essere trasferito a casa. Michael cuor di leone si batte da par suo. Campione tra i campioni.

E la Ferrari? Nei giorni scorsi, ha confermato una verità che si conosceva da settimane: a Maranello si sta già lavorando per la monoposto del 2015, con l'obiettivo, ancora tutto da decifrare, di colmare almeno in parte il gap con la Mercedes. Sia chiaro, questo non significa che da qui alla fine del campionato in corso sarà una gita di piacere, un improrogabile e dolorosissimo conto alla rovescia per chiudere fuori della finestra l'ennesimo anno sbagliato e riallacciare i fili con la speranza. Tutt'altro. Per questioni di orgoglio e pure di portafogli, la Ferrari sarà chiamata a lottare spalla a spalla con le altre due scuderie che ora la precedono nella classifica costruttori, ovvero Red Bull e Williams (meglio, Bottas). Perché va bene chinare la testa di fronte allo strapotere delle Frecce d'argento, la partita è ormai persa, inutile perdere altro tempo a flagellarsi l'autostima, ma non si deve e non si può lasciare strada ai due team che al via della stagione si presentavano con guai ancora più ingombranti di quelli accusati dalla monoposto di Maranello. Fernando Alonso non si tirerà indietro. Con lui a trainarla, la Ferrari è sempre un po' più bella. Al contrario di quanto succede con Kimi Raikkonen, che non ha ancora imparato a dare del tu alla F14 T.

I numeri del Gp dell'Ungheria

Gara numero 11 di 19

Nome circuito: Hungaroring

Prima gara disputata nel 1986

Numero di giri: 70

Lunghezza del circuito: 4,381 Km

Distanza complessiva: 306,630 Km

Miglior tempo: 1’19”071 – M. Schumacher (2004)

I precedenti

Pole, podi e risultati Ferrari nelle ultime quattro edizioni.

2013 – Pole: Hamilton (Mercedes). Podio: 1° Hamilton (Mercedes), 2° Raikkonen (Lotus), 3° Vettel (Red Bull). Giro più veloce: Webber (Red Bull). Ferrari: 5° Alonso, 8° Massa.

2012 – Pole: Hamilton (McLaren). Podio: 1° Hamilton (Mercedes), 2° Raikkonen (Lotus), 3° Grosjean (Lotus). Giro più veloce: Vettel (Red Bull). Ferrari: 5° Alonso, 9° Massa.

2011 – Pole: Vettel (Red Bull). Podio: 1° Button (McLaren), 2° Vettel (Red Bull), 3° Alonso (Ferrari). Giro più veloce: Massa (Ferrari). Ferrari: 3° Alonso, 6° Massa.

2010 – Pole: Vettel (Red Bull). Podio: 1° Webber (Red Bull), 2° Alonso (Ferrari), 3° Vettel (Red Bull). Giro più veloce: Vettel (Red Bull). Ferrari: 2° Alonso, 4° Massa.

La classifica piloti prima del Gp dell'Ungheria
(prime 10 posizioni)

1° Rosberg (Mercedes), 190 punti; 2° Hamilton (Mercedes), 176; 3° Ricciardo (Red Bull), 106; 4° Alonso (Ferrari), 97; 5° Bottas (Williams), 91; 6° Vettel (Red Bull), 82; 7° Hulkenberg (Force India), 69; 8° Button (McLaren), 59; 9° Magnussen (McLaren), 37; 10° Massa (Williams), 30.

La classifica costruttori prima dell'Ungheria
(prime 5 posizioni)

1° Mercedes, 366 punti; 2° Red Bull, 188; 3° Williams, 121; 4° Ferrari, 116; 5° Force India, 98.

Le quote bwin

A Budapest, Hamilton partirà favorito sia per la vittoria che per la pole (entrambe quotate a 1.70). Rosberg insegue a 2.60, mentre il giro veloce del tedesco è offerto a 2.50. Daniel Ricciardo, al suo primo anno in Red Bull, non molla la presa sulle Mercedes ed è saldamente ancorato al terzo posto in classifica. In lavagna bwin il pilota australiano ha più chance per la pole position proposta a 19.00, mentre il trionfo domenicale sale a 26.00. Dopo aver sfiorato il podio al GP in Germania, Sebastian Vettel ci riprova su un tracciato che gli è amico. Il primo posto in griglia vale 26.00 e il successo finale 29.00.

Stagione decisamente in salita quella del Cavallino: da inizio anno la squadra di Maranello conta un solo podio. Su bwin.it Fernando Alonso parte da favorito rispetto al teammate: pole position e vittoria finale sono proposte a 41.00. Più lontano dall’obiettivo Kimi Raikkonen che sale rispettivamente a 81.00 e 151.00. Tre podi consecutivi per Valtteri Bottas e il giovane talento finlandese può continuare a sperare in un buon piazzemento. Le quote sono dalla sua parte: giro più veloce offerto a 15.00, primo posto a fine corsa 23.00. Dopo il pauroso incidente in Germania Felipe Massa è di nuova in pista e sempre competitivo: per lui trionfo a 26.00, pole scende a 17.00.

Gli orari tv

Venerdì

Ore 10: prove libere 1, diretta Sky Sport F1 e RaiSport 2

Ore 14: prove libere 2, diretta Sky Sport F1 e RaiSport 2

Sabato

Ore 11: prove libere 3, diretta Sky Sport F1 e RaiSport 2

Ore 14: qualifiche, diretta Sky Sport F1 e Rai 2

Domenica

Ore 14: gara, diretta Sky Sport F1 e Rai 1

Twitter: @dario_pelizzari

© Riproduzione Riservata

Commenti