Esclusiva Panorama: Ecclestone: "Monza a rischio"

Il "patron" della Formula 1 in un'intervista concessa al settimanale in edicola domani, parla dei problemi economici che rischiano di far sparire il Gp d'Italia e dell'inchiesta che lo riguarda

Il patron della formula 1, Bernie Ecclestone, sulla griglia di partenza del Gp del Canada (Credits: Shaun Botterill/Getty Images)

«Non ho ricevuto alcuna richiesta di chiarimento dai magistrati italiani. Tutti i nostri registri sono a loro disposizione».

Risponde così Bernie Ecclestone, 82 anni, il grande patron della Formula 1, in un’intervista che il settimanale Panorama pubblicherà nel numero in edicola da domani, giovedì 27 giugno, alla domanda sul suo coinvolgimento (non da indagato) nell’inchiesta giudiziaria per una presunta evasione fiscale su Enrico Ferrari, già a capo del circuito di Monza.

Alla domanda se lascerà la Formula 1, Ecclestone risponde: «Non sono più il padrone della baracca. Potrei lasciare in qualsiasi momento, se gli azionisti lo decidessero o se io capissi che non mi diverto più».

Ecclestone annuncia però che presto il circo delle gare di automobilismo subirà comunque qualche rivoluzione: «È possibile che l’Europa perda un paio di corse a favore dei mercati emergenti» dice a Panorama. «Se dovesimo rinunciare a Monza, e dico se, perché nessuna decisione è stata ancora presa, sarebbe solo per motivi economici. Certo, la qualità del circuito e l’organizzazione potrebbero essere migliori, ma – ripeto – non è quello il punto cruciale».

© Riproduzione Riservata

Commenti