F1 GP Bahrain: anticipazioni, quote, orari e precedenti
EPA/DIEGO AZUBEL
F1 GP Bahrain: anticipazioni, quote, orari e precedenti
Sport

F1 GP Bahrain: anticipazioni, quote, orari e precedenti

Mentre Montezemolo ed Ecclestone discutono dei problemi della nuova Formula 1, la Mercedes si prepara ad allungare in classifica su un circuito che fa al caso suo. La Ferrari? Aspetta e spera

Il presidente della Ferrari, Luca di Montezemolo, e il “grande vecchio” della Formula 1, Bernie Ecclestone, sono d'accordo: così com'è, la F.1 non piace e non convince. Colpa delle macchine che prima ronzavano come calabroni e ora come zanzare appena un po' sovrappeso. Colpa delle nuove regole sull'utilizzo del carburante, che obbligano i piloti a stare sul chi va là dall'inizio alla fine del gran premio, limitando le sfuriate della power-unit e contenendo gli assalti al minimo indispensabile. Colpa, in estrema sintesi, di una rivoluzione che pare aver portato più guai che sorrisi. Anche se, a onor del vero, va detto che le logiche di oggi sono state sottoscritte ieri l'altro (era il 2010) da tutti i team, Ferrari compresa.

Possiamo dirlo senza tema di smentite: a Maranello non sono felicisimi. Dopo quattro anni di dominio più o meno assoluto della Red Bull, con Sebastian Vettel a beccare sulla spalla di un Fernando Alonso sempre più abbacchiato, gli uomini del Cavallino speravano di approfittare del rinnovamento più o meno generalizzato della F.1 per cambiare gli equilibri di forza fuori e dentro la pista. Non è andata così. Non per il momento, almeno. Perché se è vero che le monoposto della lattina sono meno travolgenti dei campionati precedenti, pure se in netta ripresa se consideriamo come erano andate le cose nei test invernali, le Mercedes hanno fatto uno scatto in avanti da rimanere senza fiato. Nelle prime due gare della stagione, le frecce d'argento sono state quasi imprendibili. Di un altro pianeta. Belle e impossibili da avvicinare. Ed è assai probabile che il copione si ripeta in Bahrain, su una pista che si sposa benissimo con le caratteristiche della vettura guidata dalla pregiatissima coppia Hamilton-Rosberg. “Non è tempo per noi”, cantava Luciano Ligabue nel suo album d'esordio datato 1990. In Ferrari conoscono la strofa e stanno facendo di tutto per recuperare il tempo perduto. Non è ancora troppo tardi.

I numeri del Gp del Bahrain

Gara numero 3 di 19

Nome circuito: Bahrain International Circuit

Prima gara disputata nel 2004

Numero di giri: 57

Lunghezza del circuito: 5.412 Km

Distanza complessiva: 308.238 Km

Miglior tempo: 1’31”447 – De La Rosa (2005)

I precedenti

Pole, podi e risultati Ferrari nelle prime quattro edizioni

2013 – Pole: Rosberg (Mercedes). Podio: 1° Vettel (Red Bull), 2° Raikkonen (Lotus), 3° Grosjean (Lotus). Giro più veloce: Vettel (Red Bull). Ferrari: 8° Alonso, 15° Massa.

2012 – Pole: Vettel (Red Bull). Podio: 1° Vettel (Red Bull), 2° Raikkonen (Lotus), 3° Grosjean (Lotus). Giro più veloce: Vettel (Red Bull). Ferrari: 7° Alonso, 9° Massa.

2010 (2011 annullato) – Pole: Vettel (Red Bull). Podio: 1° Alonso (Ferrari), 2° Massa (Ferrari), 3° Hamilton (McLaren). Giro più veloce: Alonso (Ferrari).

2009 – Pole: Trulli (Toyota). Podio: 1° Button (Brawn), 2° Vettel (Red Bull), 3° Trulli (Toyota). Giro più veloce: Trulli (Toyota). Ferrari: 6° Raikkonen, 14° Massa

La classifica piloti prima del Gp del Bahrain
(prime 10 posizioni)

1° Rosberg (Mercedes), 43 punti; 2° Hamilton (Mercedes), 25; 3° Alonso (Ferrari), 24; 4° Button (McLaren), 23; 5° Magnussen (McLaren), 20; 6° Hulkenberg (Force India), 18; 7° Vettel (Red Bull) , 15; 8° Bottas (Williams), 14; 9° Raikkonen (Ferrari), e Massa (Williams), 6.

La classifica costruttori prima del Gp del Bahrain
(prime 5 posizioni)

1° Mercedes, 68 punti; 2° McLaren, 43; 3° Ferrari, 30; 4° Williams, 20; 5° Force India, 19.

Le quote bwin

Sulla carta, tutto facile per la Mercedes, che gode come prevedibile dei favori del pronostico. Bwin punta forte su Lewis Hamilton primo in qualifica (1,70) e primo in gara (1,90). Per Nico Rosberg, un passo indietro (3,00 sia per il sabato sia per la domenica): sarà vero? Sebastian Vettel è tornato a far paura, ma fino a un certo punto. Bwin lo vede ancora distante dalle due frecce d'argento e gli riconosce una quota pari a 8,00 per la gara e a 8,50 per la pole. La speranza val bene una corsa. Lo penserà sicuramente Daniel Ricciardo (55,00 gara e 22,00 pole), che spingerà sicuramente fino in fondo per fare la corsa della vita. Sì, ma le Ferrari? Fernando Alonso vorrebbe ma non può. Almeno per il momento. E bwin si muove di conseguenza, consegnandogli un misero 15,00 per il trionfo in gara e un ancora meno gratificante 18,00 per la pole. Che se arriva, sorprende tutti, lui per primo. Kimi Raikkonen non sta molto meglio. Anche per lui (25,00 e 25,00), finora pochi sorrisi e tanti mugugni.

Gli orari tv

Venerdì

Ore 13: prove libere 1, diretta Sky Sport F1 e RaiSport 2

Ore 17: prove libere 2, diretta Sky Sport F1 e RaiSport 2

Sabato

Ore 14: prove libere 3, diretta Sky Sport F1 e RaiSport 2

Ore 17: qualifiche, diretta Sky Sport F1 e Rai 2

Domenica

Ore 17: gara, diretta Sky Sport F1 e Rai 1

Twitter: @dario_pelizzari

Ti potrebbe piacere anche

I più letti