13^ tappa - che peccato, ancora niente successo

Come previsto la gara di oggi si è chiusa in volata, ma non è andata come volevo

Elia Viviani poco prima della partenza (credits: foto bici Cailotto)

Questa mattina non pensavamo potesse finire in volata. Avevamo deciso di non far lavorare la squadra ma di tenerla calda per il finale e così è stato: finale movimentato e tappa lunghissima.

I compagni, Longoborghini e Marangoni, hanno prima chiuso su Caruso, poi Dallantonia e Sabatini mi hanno pilotato al meglio nell'ultimo km. Sabatini mi ha lasciato a 200m, ma il verdetto della volata l'avete visto tutti, 4 atleti oggi sono stati più forti di me allo sprint! Mi dispiace soprattutto per i compagni che oggi si meritavano la mia vittoria, li ringrazio comunque di cuore!
Elia

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Le Miss del Giro d’Italia

Ecco chi sono (e cosa fanno) le ragazze del bacio alla maglia rosa

L’uomo “più vecchio” del Giro d'Italia

Ha visto passare i grandi campioni da Inoux fino a Pantani. Da 35 anni (senza sosta) Angelo Morlin lavora dietro le quinte del Giro

Le immagini più bella della 10^ tappa

Il colombiano Rigoberto Uran Uran ha vinto per distacco la tappa da Cordenons all'Altopiano del Montasio. Nibali conserva la maglia rosa

Commenti