Calciomercato

Donnarumma e il no di Raiola all'idea di spalmare il suo ingaggio

Il portiere guadagna tanto e scade presto (2021). L'idea di allungare il contratto per aiutare il Milan non fa presa sul suo agente

Gianluigi donnarumma milan contratto raiola

Parametro Zero

-

Il futuro di Donnarumma non è ancora un tema prioritario al Milan, anche perché dopo il tentativo del Psg di prendersi il portierone, inserendo però Areola come contropartita, non si è mosso nulla di concreto intorno al classe 1999 che si candida a demolire i record di precocità nel suo ruolo in Italia.

Ufficialmente non è sulla lista dei partenti e altrettanto ufficialmente in questo momento non è sul tavolo il prolungamento del contratto da 6 milioni di euro netti che scade nel giugno 2021. Una data che avvicina pericolosamente e che più presto che tardi porterà la vicenda sotto i riflettori con la necessità di trovare una soluzione.

L'idea di allungare la data di scadenza al 2022 spalmando l'ingaggio, che significa ridulrlo da 6 a 4,5 milioni netti a stagione, non ha trovato Mino Raiola particolarmente ben disposto. Anzi. Il sondaggio è andato a vuoto e le parti si riaggiorneranno da settembre in poi con alcuni punti fermi che sarà bene tenere a mente per leggere la situazione in maniera corretta.

Il primo è che Donnarumma vorrebbe restare al Milan cui è sinceramente legato. Raiola non chiude al rinnovo, ma la sua strategia è sulla base di un nuovo accordo lungo e più remunerativo rispetto a quello attuale: non meno di 7,5 milioni. Condizioni difficili da accettare per il Milan in questo momento storico.

E qui si apre la terza e ultima chiave interpretativa: senza prolungamento i rossoneri rischiano tra un anno di dover vendere Donnarumma senza andare troppo per il sottile in modo da evitare il rischio di trovarselo nel febbraio 2021 (a soli 22 anni) pronto a firmare a parametro zero.

Un pericolo che Maldini e Boban non vogliono correre e che riaprirebbe a scenari clamorosi, magari con il coinvolgimento della Juventus o di qualche altro grande club interessato a entrare a prezzo di favore.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Donnarumma resta? Serve un atto d'amore per non bloccare il Milan

Il portierone non vuole andare via, ma ha un contratto (pesante) che scade nel 2021. E così rischia di mettere in difficoltà il club

Donnarumma via dal Milan? Ecco quanto vale (e perché il Psg lo vuole)

Paletti Uefa, esigenze di bilancio, stipendio alto e la scadenza che si avvicina: ecco perché il portiere costa meno del suo prezzo reale

Donnarumma resta al Milan ma senza rinnovo

Raiola ha deciso: il portiere resterà per poi poter avere maxi offerte nel 2020, prima della scadenza del contratto

Commenti

Cookie Policy Privacy Policy
© 2018 panorama s.r.l (gruppo La Verità Srl) - Via Montenapoleone, 9 20121 Milano (MI) - riproduzione riservata - P.IVA 10518230965