World Soccer: ecco l’"undici" più forte della storia

Cesare Maldini commenta per Panorama.it, ruolo per ruolo, le scelte dell'autorevole rivista inglese

Zinèdine Zidane con la maglia del Real Madrid durante un match di beneficenza (Credits: ANDREW YATES/AFP/Getty Images)

Riccardo Vetere

-

Quanti quesiti e dubbi colorano il variopinto mondo del calcio. Qual è il giocatore più grande di tutti i tempi? Quale la squadra di club più forte della storia? E quale l’undici che resterà impresso a caratteri d’oro negli annali del calcio? A quest’ultimo quesito possiamo finalmente dare una risposta. Almeno stando al grosso sondaggio condotto da World Soccer, autorevole rivista d'oltremanica, che dal 1982 assegna alcuni premi molto considerati: miglior squadra dell’anno, miglior allenatore dell’anno, miglior calciatore dell’anno…. Per trovare un calciatore italiano in lizza dobbiamo tornare a Fabio Cannavaro, nel 2006. 

Questa volta ha stilato la top 11 della storia del calcio. Grazie a un sondaggio effettuato con la partecipazione di diversi allenatori, ex calciatori e giornalisti; i quali hanno votato, ruolo per ruolo, quello che per loro è il giocatore più grande di tutti i tempi.

Yashin miglior portiere Nella formazione dei sogni di World Soccer c’è Lev Yashin, unico portiere riuscito a baciare il Pallone d’Oro, nel 63’, e già insignito del titolo di miglior portiere del XX secolo, da IFFHS. “Lo conosco bene, ci ho giocato anche contro, è presente in tutte le classifiche che contano – è il commento di Cesare Maldini a Panorama.it -. Era veramente un fenomeno fuori dal comune; purtroppo ci giocai contro (ride, ndr), perché fargli gol era un’impresa. Il mondo occidentale l’ha conosciuto tardi, ma quando le porte della Russia si sono aperte, le cose sono cambiate”.

Ma c’è chi potrebbe obiettare che anche il nostro Dino Zoff avrebbe potuto dire la sua tra i pali della prestigiosa formazione. Ma non la pensa così Cesare Maldini, che l'ex portiere della Juve l’ha anche allenato: “Ho grandissima stima di Zoff ed è anche una grande persona, ma Yashin rimane un gradino sopra tutti”.

Maldini unico italiano Passando alla linea a quattro difensiva, troviamo l’unico italiano inserito in squadra, Paolo Maldini. Grande soddisfazione per il Milan, che può vantare la presenza di ben due ex: “È arrivata la Formazione Top 11 All time. Grande soddisfazione per la storia rossonera e per tutti i Milanisti: Paolo Maldini e Marcos Cafù fanno parte di una squadra tutta d'oro e gloria”, è il comunicato del sito ufficiale del club.

Tutti felici; ma scelta corretta? “È una grande soddisfazione, ma lascio che siano gli altri a esprimersi da un punto di vista tecnico; io sono il padre e il mio parere su mio figlio non conta per molta gente. Mentre se lo giudica uno da fuori... Paolo, in quella lista di nomi è in buonissima compagnia: c’è gente di grandissimo livello”.

Riferimento che porta dritto all’imperforabile coppia formata da Bobby Moore e Beckenbauer, il giocatore più votato in assoluto; ma non a Cafù, scelto come miglior terzino destro di sempre: “Non so se manca qualcuno in questa squadra ma può darsi si siano scordati qualcuno. Cafù, invece, per carità bravissimo, ma mi sembra un di più…”.

Centrocampo da sogno Cruijff, Di Stefano, Zidane e Maradona. Bastano questi quattro nomi per percepire il livello assoluto dei giocatori messi in campo dalla giuria. Ma nasce spontaneo un confronto interno, diciamo tra compagni di squadra. Perché c’è chi sostiene che in realtà sia proprio Alfredo Di Stefano il miglior giocatore della storia. Ascoltate il pensiero di Pelè di un paio di settimane fa: “Di Stefano era più completo sia di Messi che di Maradona”

Assurdità? “Di Stefano è da una vita che è in tutte le classifiche che contano – prosegue Cesare Maldini - . Non ho mai giocato contro Maradona e non posso fare paragoni tra i due, ma Di Stefano era una roba… Un grandissimo, un fenomeno; l’ho anche conosciuto, a Madrid l’ho incontrato quando andavo a seguire le partite in Spagna”. 

Argentina e Brasile in attacco A finalizzare le trame di questo “mostro” calcistico, secondo World Soccer, nessuno è meglio di Pelè e Messi nella storia del pallone, unico giocatore in attività ad essere inserito in lista: “Non stiamo a commentare quel che vale Messi; fra 10 o 20 anni sarà ancora lui il migliore di sempre in quel ruolo…”, ha concluso Maldini.

Come dargli torto.

 
© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Giapponesi in Italia, mai dire banzai

Da Miura a Nagatomo, le avventure dei calciatori nipponici nel Bel Paese hanno spesso lasciato l’amaro in bocca. Il migliore di sempre? Nakata

Cinque motivi per cedere (ora) De Rossi

James Pallotta ha aperto alla cessione dell'italiano e Nainggolan è sempre più vicino alla Roma

Tutto su Andrea Poli, il nuovo mediano del Milan

Alla scoperta del centrocampista rossonero arrivato in comproprietà dalla Sampdoria. Un classe 1989 che si ispira a Steven Gerrard

Il Milan sale sull'Honda

Accordo con il giapponese che voleva anche la Lazio. Subito o a scadenza di contratto in dicembre. Poli dalla Samp in comproprietà  - CALCIOMERCATO IN DIRETTA

Commenti