ESCLUSIVO - Tommasi: 'Vigili su Sneijder. Non può essere escluso per il contratto'

Parla il numero uno del sindacato calciatori: "Nessuna analogia con casi del passato, ma l'Inter conosce le regole"

Damiano Tommasi

Foto LaPresseSport Calcio24 08 2011 Roma , ItaliaFIGC, Conferenza stampa dei rappresentanti dell'A.I.C.Nella foto  Damiano Tommasi.

Giovanni Capuano

-

Una situazione non ancora paragonabile ad altre del passato, ma che nelle prossime settimane andrà definita con maggiore chiarezza. Il numero uno dell'Aic, Damiano Tommasi, parla così del caso-Sneijder che sta scuotendo il mondo Inter e che ha fatto muovere anche il sindacato mondiale dei calciatori che ha parlato di "ricatti" delle società citando l'olandese e la vicenda di Llorente con l'Athletic Bibao.

Tommasi che idea si è fatto della storia tra Sneijder e l'Inter?

"Io ho capito che stanno valutando non solo l'aspetto tecnico ma anche quello contrattuale. Penso che le prossime settimane porteranno sviluppi che chiariranno anche alcune dichiarazioni che sono state fatte. Non sono riuscito a capire se la scelta tecnica di escluderlo dalle partite sia dovuta alla questione della spalmatura dell'ingaggio o ad altro... Mi sembra che qualche giornale abbia semplificato scrivendo 'O firma o non gioca'"

Solo un problema di comprensione dei giornali? Branca è stato abbastanza chiaro...

"Sneijder si deve allenare come prevede il contratto. Poi giocherà se lo decide l'allenatore. La scelta di utilizzarlo o meno non deve essere legata alla situazione contrattuale"

Non c'è qualcosa di anomalo nell'atteggiamento dell'Inter?

"E' da approfondire. Se ci fosse un legame diretto tra la vertenza e le scelte dell'allenatore non sarebbe una situazione in linea con l'accordo. Però dipende anche da come il giocatore sta vivendo questa situazione, se accetta di stare in stand-by o no. Solo loro sanno se c'è o meno la serenità necessaria"

Lei crede sia solo una scelta tecnica?

"E' evidente che si tratta di una scelta non lineare come altre. Sneijder è un giocatore di valore, tutti sanno cosa può fare e di cosa ha bisogno l'Inter in questo momento. Penso che le prossime settimane chiariranno e se è una questione di mercato si vedrà a gennaio"

L'Aic si sta muovendo per capire?

"Siamo in contatto e vigiliamo. Approfondiremo. Non voglio credere che le cose stiano come sono state scritte e che sia che 'O firma o non gioca'"

La Fifpro ha annunciato che porterà il caso a Uefa e Fifa insieme a quello di Llorente...

"Per come è stata descritta è una vicenda che merita sicuramente un approfondimento. Ci sono diritti e doveri che vanno rispettati da entrambe le parti e se fosse confermato che c'è una relazione diretta sarebbe certamente un caso da prendere in considerazione"

Ci sono analogie con altri casi del passato, da Pandev a Marchetti?

"Sono storie diverse. In alcuni episodi c'erano giocatori nemmeno fatti allenare o costretti a farlo in orari differenti. Qui invece c'è un contratto ancora in essere per tre anni"

Sneijder però è fuori dalla rosa che viene convocata...

"Intanto mi sembra di capire che non si sia ancora espresso su come gestire questa situazione. Pandev a suo tempo aveva chiesto la rescissione del contratto e le regole lo hanno consentito. Poi è andato all'Inter e all'Inter sanno bene cosa vuol dire questo tipo di atteggiamenti nei confronti di un giocatore"

Non sembra sorpreso di quanto accade...

"Vediamo come reagisce il calciatore e quali sono gli sviluppi delle prossime settimane. Quello che sorprende è che stiamo parlando di un giocatore che di sicuro non è non professionale, ma di uno che ha reso tanto in campo, ha vinto e può dare ancora molto alla sua squadra"

Seguimi su Twitter e Facebook

© Riproduzione Riservata

Commenti