Gruppo B: il Cile

La nazionale di Vidal e Sanchez vuol giocare un brutto scherzo a Olanda e Spagna, è l'outsider del girone - GRUPPO B - Spagna - Olanda - Australia

– Credits: Getty Images

Matteo Politanò

-

Gruppo: B con Spagna, Olanda e Australia

Presentazione: Il Cile di Sampaoli si ritrova in un gruppo di ferro con l'Olanda e i campioni del mondo in carica. Passare il girone sarebbe già un trionfo per la nazionale sudamericana che ha ottenuto il suo miglior risultato ai mondiali con il terzo posto nel 1962. La 25^ squadra in classifica nel ranking Fifa conta tante conoscenze del campionato italiano: da Vidal a Isla passando per Mati Fernandez e Pinilla. In Sudafrica il Cile ha battuto l'Honduras tornando così a vincere una partita nella fase finale di coppa del Mondo dopo 48 anni. La successiva vittoria con la Svizzera e la sconfitta con la Spagna sancirono il passaggio del turno che portò all'eliminazione per 3-0 contro il Brasile.

I convocati: I sudamericani contano su una squadra che può essere la mina vagante del girone B grazie all'ampia esperienza dei suoi convocati. In porta ci sarà Claudio Bravo della Real Sociedad mentre in difesa lo juventino Isla sarà compagno di reparto di diversi giocatori impegnati in Premier League come ad esempio Medel del Cardiff City e Jara del Nottingham. A centrocampo c'è Arturo Vidal ma anche il viola Mati Rodriguez, l'atalantino Carmona, Rabello del Siviglia e l'immortale David Pizarro. In avanti il peso dell'attacco sarà sulle spalle di Alexis Sanchez con un'altra ex conoscenza del calcio italiano: Edu Vargas, poco successo al Napoli prima di accasarsi al Gremio in Brasile. 

La probabile formazione:(4-3-1-2) Bravo, Isla, Medel, Marcos González, Mena, Pizarro, Vidal, Aránguiz, Valdivia, Vargas, Alexis Sánchez. All. Sanpaoli

Le stelle: Dopo tre campionati ad altissimi livelli Arturo Vidal vuole finalmente laurearsi top player mondiale con una coppa del Mondo all'altezza delle sue doti. La sua duttilità fa gola alle società di mezzo mondo ma su di lui la famiglia Agnelli vuole costruire le vittorie del futuro. Abile in rottura e devastante in zona gol Vidal si è consacrato centrocampista moderno dopo un'esperienza fondamentale nella Bundesliga con il Bayer Leverkusen. Dopo 117 presenze e 15 gol l'arrivo in Italia dove la sua vena realizzativa si è concretizzata in una media da urlo per un mediano: 28 reti in 94 partite

I giovani da tenere d'occhio:  Tra i più giovani della nazionale c'è il giocatore di maggior talento, Alexis Sanchez. Per l'ex punta dell'Udinese la carriera è però già consacrata: 37 sono già i gol con la maglia del Barcellona nelle ultime due stagioni. Una media gol che si conferma anche con la maglia della Roja, 22 gol in 64 partite. Classe 1988, uno dei talenti più puri di sempre per il calcio cileno, era stato prelevato dalla famiglia Pozzo che era rimasta estasiata dalle sue giocate al Cobreloa. Due anni in prestito a Colo Colo e River Plate prima del boom in Europa e dei 20 gol in 95 partite con la maglia friulana. Per 37,5 milioni di euro è diventato una delle nuove stelle del Barcellona e in Brasile guiderà l'attacco cileno con la voglia di stupire ancora. 

Il palmares: 4 secondi posti in coppa America

L'allenatore: Jorge Sampaoli è il ct del Cile dal 2012 dopo aver allenato a lungo i club in patria. Dopo la splendida stagione del 2011 con l'Universidad de Chile si è guadagnato la chiamata della federazione che gli ha affidato il compito di costruire la squadra per il mondiale. Nel settembre 2011, con 9 vittorie consecutive in campionato, ha siglato il primato cileno per il maggior numero di successi ottenuti all'inizio di un campionato (dalla prima alla nona giornata). Predilige il 4-4-2 e le sue varianti ma in Brasile probabile che si vedrà un 4-3-1-2 con Vidal dietro Sanchez e Vargas. 

© Riproduzione Riservata

Commenti