Sorteggio senza rete (e non trema solo l'Italia)

Il favore alla Francia mette a rischio beffa la nostra Nazionale. Ma anche il Brasile non è tranquillo... - I metodi per truccarlo

Il pallone ufficiale di Brasile 2014 – Credits: Getty Images Sport

Giovanni Capuano

-

La composizione delle urne da cui venerdì saranno sorteggiati i gironi del Mondiale ha confermato, se mai ce ne fosse bisogno, che il peso politico delle federazioni è un elemento che conta nel calcio di Blatter. La Francia ha ricevuto un aiutino non meritato che mette nei guai Italia, Olanda, Inghilterra, Portogallo e Russia, giusto per citare le nazioni più potenti che divideranno il pre-sorteggio da brividi con i transalpini, ritenute evidentemente meno potenti dalla Fifa rispetto alla stessa Francia che al Mondiale c'è andata solo grazie allo spareggio batticuore con l'Ucraina.

La seconda notizia, però, è che Blatter ha evitato protezioni che in passato erano state riservate alle nazionali ospitanti e alla fine l'urna potrebbe regalare un girone tremendo proprio al Brasile, favorito della vigilia e che di sicuro farebbe volentieri a meno di cominciare la sua corsa mondiale con due europee (sì, può capitare) e magari Messico o Stati Uniti. I maligni dicono che non accadrà, ma al momento non si può escludere e rispetto al passato è una novità non da poco.

IL FAVORE ALLA FRANCIA - Quello che è capitato nella definizione delle fasce del sorteggio ha lasciato perplessi molti. Il problema di partenza era la presenza di 9 nazionali europee non teste di serie, una in più rispetto alle 8 canoniche per formare le quattro urne seguendo criteri geografici. Impossibile evitare un girone con due esponenti del Vecchio Continente, ma a scalare nell'urna con le africane avrebbe dovuto essere per ranking la Francia di Platini (presidente Uefa) oppure la Bosnia, debuttante, se si fosse seguito il criterio dell'appeal storico.

Invece la Fifa ha scelto di mischiare le carte. Tutti in un pre-sorteggio che può mandare all'inferno anche Italia, Olanda, Inghilterra, Portogallo, Russia, Croazia, Grecia o Bosnia lasciando la Francia nell'elenco delle europee. E la 'sfortunata' sarà immediatamente accoppiata a una testa di serie tra Brasile, Argentina, Colombia e Uruguay. Una sorte che doveva toccare ai francesi e che, invece, sarà loro solo con l'11% delle probabilità. Un bel regalo...

RISCHIO ITALIA - L'Italia rischia un girone infernale. Pensate: Brasile (o Argentina), Italia, Olanda (o Francia o Inghilterra) e magari Usa (o Messico) dall'urna delle sudamericane e asiatiche. Davvero da incubo per Prandelli, che deve piangere sull'inutile pareggio contro l'Armenia a qualificazione raggiunta che ha compromesso le nostre chance di essere teste di serie al posto dell'Uruguay. Colpa nostra sul campo, del peso della nostra federazione nelle stanze della Fifa dove si è deciso come gestire il sorteggio.

BRASILE SENZA PROTEZIONI - Il rischio di finire in un girone tremendo, però, c'è anche per il Brasile padrone di casa. La Fifa non ha al momento previsto alcun meccanismo di salvaguardia per la Selecao che potrebbe trovarsi insieme a due europee e alla migliore africana o asiatica o nord americana. Succederà? In passato chi ospita il Mondiale è sempre stato trattato con i guanti da Blatter, però questa volta il rischio è davvero alto.

© Riproduzione Riservata

Commenti