Calcio

Rooney, no alla Cina: rifiuta stipendio record e resta al Manchester United

L'attaccante poteva lasciare la Premier League già a febbraio. Offerta da 46 milioni di euro a stagione per lui

FBL-ENG-PR-MAN UTD-HULL

Giovanni Capuano

-

La carriera ad alto livello di Wayne Rooney si sarebbe potuta chiudere più in fretta del previsto e senza attendere il finale della stagione con la maglia del Manchester United. Invece Wayne ha detto no, anche se non c'è alcuna certezza sino alla chiusura della finestra di mercato in Asia (28 febbraio). Quello che appare è che sul futuro del numero 9 che ha scritto un pezzo di storia dei Red Devils si sono concentrati interessi multimionari.

Secondo quanto riportato dai tabloid inglesi, infatti, sul tavolo di Rooney sarebbero arrivate offerte da capogiro provenienti dalla Chinese Super League: stipendio record da 46 milioni di euro a stagione e un indennizzo per il Manchester United intorno ai 30. Per un giocatore classe 1985 che ha già abbondantemente dato il meglio di sè in campo e si avvia alla parte finale della sua traiettoria agonistica. Difficile rifiutare, dunque, sia per il club che per l'entourage dell'attaccante che ci ha pensato per poi declinare per restare a giocarsi le sue carte a Manchester fino alla fine.

IL BOOM DELLA CINA SUL CALCIOMERCATO: I 10 COLPI PIU' COSTOSI DI SEMPRE

1091477

Tevez e gli altri... Ma c'è chi ha detto no

Il 2017 passerà alla storia come l'anno dell'offensiva cinese sul calciomercato. Spese record per portare nel campionato alcuni giocatori ancora in età utile per dare un contributo importante non solo dal punto di vista dell'immagine; il passaggio di Oscar dal Chelsea ha aperto la via e Tevez, con il suo ingaggio record, ha ulteriormente alzato l'asticella tanto da costringere le autorità del calcio locale a scrivere nuove regole.

Che non devono essere state sufficienti a placare le ambizioni dei potenti cinesi. C'è, però, anche l'altra faccia della medaglia rappresentata da chi ha scelto di non accettare la corte della Grande Muraglia. E' il caso di Kalinic, a lungo nel mirino di Cannavaro: il suo no ha chiuso le porte di una trattativa da oltre 35 milioni di euro per la Fiorentina con stipendio quasi decuplicato per il giocatore. Questione di cuore. 

© Riproduzione Riservata

Commenti