Calcio

E' la Roma l'anti-Juventus. Nainggolan trascinatore di Spalletti

La vittoria a San Siro lancia i giallorossi. Per vincere lo scudetto Allegri dovrà fare gli straordinari e andare oltre 90 punti

FC Internazionale v AS Roma - Serie A

Giovanni Capuano

-

La Roma è la vera anti-Juventus e per vincere il sesto scudetto di fila - impresa alla portata a tre mesi dalla fine della stagione - la squadra di Allegri dovrà correre. Il blitz di San Siro della banda Spalletti, nella settimana del crollo del Napoli, ha definitivamente scritto le gerarchie di questo campionato: i giallorossi sono l'avversaria dei campioni d'Italia e dietro gli altri lottano per l'Europa con chance per tutte le cinque squadre raccolte in 7 punti.

Verdetto netto e inappellabile. Se l'Inter era una delle più in forma, reduce da 9 vittorie nelle ultime 10, averla dominata tatticamente e fisicamente in casa sua è segnale di forza lanciato prima di tutto alla Juventus. Non che Allegri avesse bisogno di stimoli, però tenere alta la concentrazione sarà più facile avendo dietro una rivale che corre con una proiezione da 86 punti che significherebbe record storico per il club.

SERIE A 2016-2017: QUANTI PUNTI SERVIRANNO PER SCUDETTO E ZONA CHAMPIONS?

 

Nainggolan trascinatore e simbolo della Roma

Il simbolo della Roma di Spalletti è Radja Nainggolan. Più ancora di Dzeko, che sta vivendo una stagione straordinaria. E più dei difensori che hanno dato una compattezza inattesa alla squadra (seconda miglior difesa dopo la Juventus) con lo schieramento a tre che esalta la fisicità di Fazio e la rapidità di Manolas e Rudiger. La doppietta di San Siro lo porta a quota 9 reti segnate in campionato, quasi un record nel ruolo.

Decisivo non solo per la leadership che esercita sui compagni. Per dare un peso al suo contributo numerico, da solo ha spostato almeno 6 punti fin qui, decidendo le partite contro Milan, Udinese e Inter: nessuno ha un centrocampista così e Pallotta farà bene a mettere in agenda in fretta il rinnovo con adeguamento per evitare che in estate le sirene tornino a suonare e diventino irresistibili per il belga. Che ama Roma, ma oggi è tra i top nel mondo per interpretazione del ruolo e non potrà resistere per sempre semplicemente per amore.

14 maggio 2017: sarà sfida scudetto?

Napoli, Lazio e Juventus in casa. Milan in trasferta. Le speranze di agganciare il treno scudetto e rendere la sfida del 14 maggio all'Olimpico una vera finale passano da qui. Il calendario della Roma è discreto, la distanza dalla Juventus grande perché 7 punti sono un gap difficile da colmare. Svantaggio accumulato gettando via partite che sulla carta dovevano essere semplici, come le trasferte di Cagliari ed Empoli, e che adesso pesano doppio.

Spalletti dovrà gestire anche il triplo impegno con Europa League e Coppa Italia; non sarà semplice. Ma se resiste, ecco il momento della verità: 30 aprile derby con la Lazio, una settimana più tardi trasferta a San Siro col Milan e poi confronto diretto con la Juventus. Con in mezzo le eventuali semifinali (andata il 4 e ritorno l'11) di Europa League. Un Everest affascinante se la Roma ci arriverà ancora in corsa.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Inter - Roma 1-3: spettacolare Nainggolan, i giallorossi restano a -7

Show del belga che segna due gol da cineteca. Ai nerazzurri non basta Icardi, Perotti chiude su rigore ma ne manca uno all'Inter

Commenti