Ranking Uefa, il Portogallo scappa: + 0,455

La sconfitta della Juventus contro il Benfica fa male al calcio italiano. L'anno prossimo siamo 5° a meno che la squadra di Conte...

Lo stadio Da Luz di Lisbona – Credits: Getty Imanges Sport

Giovanni Capuano

-

Una lenta ma inesorabile discesa verso il quinto posto. Il calcio italiano non riesce a rispondere all'affondo di quello portoghese e il k.o. della Juventus allo stadio Da Luz di Lisbona ha consentito ai lusitani di allungare ancora nella classifica del ranking europeo nei nostri confronti. Non si tratta di guardare al punteggio di questa stagione, quando restiamo saldamente al quarto posto con 66.772 punti contro i 61.799 del Portogallo (+ 4.973), ma alla proiezione per l'inizio della prossima. E' il momento in cui verranno scartati i punteggi ottenuti nel 2009-2010 (anno di grazia del Triplete interista) e l'Italia dovrà buttare via un bel 15.428 contro il 10.000 del Portogallo.

Tradotto in termini numerici, significa che al momento siamo destinati a scivolare in quinta posizione. Il Portogallo ha 51.799 punti 'virtuali' contro i nostri 51.344. Il sorpasso era già avvenuto tre settimane fa, ma il gol di Lima contro la Juventus ci è costato altri 0.333 e ha scavato un piccolo solco tra noi e loro. Potremo riprenderci la quarta posizione all'inizio della prossima stagione solo se la Juventus eliminerà il Benfica: significherebbe vincere sul campo (e vale 0.333) e avere il punto di bonus per la qualificazione alla finale dell'Europa League.

L'Italia non è quinta nel ranking Uefa dal lontano 1984. Iniziare il prossimo anno così in basso sarebbe soprattutto una sveglia a tutti i club, anche se bisogna dire che in questa stagione le nostre squadre si sono ben comportate. Non a caso i 14.000 punti raccolti fin qui rappresentano la terza miglior prestazione dal 2009 con la buona possibilità di diventare la seconda o, addirittura la prima se la Juventus dovesse vincere l'Europa League. Quest'anno stiamo andando alla stessa velocità della Germania (14.714) e molto meglio di Portogallo (9.416) e Francia (8.500) che sono le avversarie dirette per il quarto posto.

Va ricordato che scivolare in quinta posizione non cambierebbe nulla dal punto di vista concreto perché rimarrebbe invariato il numero di squadre ammesse alla Champions League e all'Europa League e che , in ogni caso, la fotografia del ranking Uefa viene fatta a fine anno. Dunque avremmo tutto il tempo di metterci dietro il Portogallo. Basterebbe ripetere le prestazioni di questo buon 2013-2014.

 
© Riproduzione Riservata

Commenti