Il programma di oggi (21/6): Argentina e Germania, ecco le grandi

Messi e Mueller chiedono strada a Iran e Ghana per strappare il pass degli ottavi. Ultima chiamata per la Bosnia di Pjanic - Lo speciale Brasile 2014

Leo Messi – Credits: Ansa

Giovanni Capuano

-

Tornano in campo due delle grandi favorite di questo Mondiale, alla caccia del bis di vittorie che consegnerebbe ad entrambe il lasciapassare per gli ottavi di finale confermandole come leader nel proprio girone. Sabato ricco di grande calcio, perché anche la sfida della notte tra Nigeria e Bosnia promette spettacolo. Ecco il programma intero del 21 giugno 2014:

ORE 18 (Belo Horizonte) - GIRONE F: ARGENTINA-IRAN

Tutti intorno a Messi per tentare di prolungare il momento magico del calcio sudamericano, che sta stupendo il Mondiale e che aspetta di trovare ad alti livelli anche l'Argentina. Quella contro l'Iran dovrebbe essere sfida senza particolari patemi per la squadra di Sabella. Confermato il tridente Messi-Aguero-Higuain con anche il madridista Di Maria a completare il gruppo dei piedi buoni che dovranno scardinare in fretta la difesa iraniana impostata da Quieroz (che ha annunciato l'addio a fine Mondiale) e votata alla sofferenza dopo aver imposto il pari alle Aquile nigeriane e aver fatto impazzire mezzo Paese. Ci sarebbe un precedente che risale a 37 anni fa e che vide l'Iran pareggiare contro l'Argentina che poi sarebbe diventata campione del Mondo, ma si trattava di un quadrangolare amichevole e nessuno vuole credere che la magia possa ripetersi. Sabella sarà un emozionante ritorno nello stadio 'Minerao' di Belo Horizonte, che nel 2009 lo consacrò allenatore vero dopo una vita spesa a fare l'assistente di Daniel Passarella: alla guida dell'Estudiantes zittì la tifoseria del Cruzeiro e conquistò la Libertadores fuori casa. La Fifa gli ha negato l'autorizzazione a sedersi sulla stessa panchina finita, per sorteggio, a Queiroz. Il vero problema, però, è un po' di mal di pancia di Messi dopo il debutto contro la Bosnia. Non è piaciuto troppo il modulo usato, anche se Sabella usa tutta la diplomazia possibile per smontare il caso: "Le sue parole non mi hanno dato alcun fastidio: sono cose che già sapevo, gli ho chiesto come preferiva che giocassimo e lui me l'ha detto. Ora andremo avanti così, in un clima tra noi di grande cordialità, perchè in questa nazionale non manca certo lo spirito di gruppo. Sono tranquillo, Messi mi ha parlato con molto rispetto e viviamo in un clima di reciproca tolleranza".

Le rose delle due nazionali: ARGENTINA e IRAN

Quote bwin: vittoria Argentina 1.12; vittoria Iran 17.50; pareggio 8.25.

ORE 21 (Fortaleza) - GIRONE G: GERMANIA-GHANA

Che la Germania fosse una delle favorite non era un mistero. Che potesse avere un impatto così forte sul Mondiale come quello provocato dal 4-0 al Portogallo, invece, è stata una sorpresa tale da far attendere la prova contro il Ghana come un esame in cui gli uomini di Low dovranno confermare tutte le qualità messe in mostra. Vigilia in tutta serenità nel ritiro tedesco e non poteva essere diversamente. Mueller è il sole intorno al quale ruota tutta la Germania, per la sua capacità di trovare la porta (tripletta all'esordio) e per la duttilità tattica che lo rende anche 'falso nueve' sul modello Bayern Monaco di Guardiola. Non creano preoccupazioni le condizioni del centrale del Borussia Dortmund Hummels: sarà risparmiato eal suop posto ci sarà Mustafi, giovane della Sampdoria salito sul carro dei 23 a tempo quasi scaduto e che sta vivendo una favola bellissima e ora sul mercato è richiesto da tante squadre italiane ed europee. Al suo fianco, ci dovrebbe essere anche Jerome Boateng, che sfiderà il fratellastro Kevin Price già battuto in Sudafrica nel 2010 e nelle sfide di Bundesliga della scorsa stagione in Bundesliga. Nella vigilia, Kevin Prince ha attaccato a parole: "Contro la Germania lotteremo fino alla morte". Dovrebbe essere in campo dal fischio di inizio. Nel centrocampo ghanese dovrebbe esserci anche Essien, che pare aver recuperato da un leggero infortunio, mentre il difensore Opare non dovrebbe farcela, lasciando spazio a Inkoom

Le rose delle due nazionali: GERMANIA e GHANA

Quote bwin: vittoria Germania 1.28; vittoria Ghana 8.75; pareggio 5.75.

ORE 24 (Cuiaba) - GIRONE F: NIGERIA-BOSNIA

Chi perde è fuori, chi vince sogna la qualificazione alle spalle dell'Argentina di Messi. Bosnia-Nigeria vivrà come un dentro o fuori con gli africani, solo pari all'esordio con l'Iran, costretti a vincere per poi potersi giocare la qualificazione all'ultima giornata contro la nazionale argentina. Stesso discorso per la Bosnia che dopo il ko contro Messi e compagni non può permettersi altri passi falsi. Confermati in campo Dzeko e il romanista Pjanic che dovranno far prevalere la loro tecnica per superare la forza fisica della Nigeria che si presenta con Obi Mikel e Moses e un 4-2-3-1 fotocopia rispetto a quello della Bosnia.

Le rose delle due nazionali: NIGERIA e BOSNIA

Quote bwin: vittoria Nigeria 4.10; vittoria Bosnia 1.85; pareggio 3.50.

© Riproduzione Riservata

Commenti