Calcio

L'interprete cinese confonde Inter e Milan... i rischi della globalizzazione

"Vogliamo riportare al top il Milan!": l'incredibile gaffe durante la presentazione. Ma il calcio moderno è anche questo

inter_cina

Giovanni Capuano

-

L'Inter diventata orientale è stata presentata al mondo con uno spettacolo all'altezza delle attese, nel senso che i cinesi hanno fatto le cose in grande. Location di impatto notevole, filmati emozionali per ripercorrere il passato nerazzurro e l'alternanza tra Grande Muraglia e Duomo di Milano a suggellare il matrimonio tra Nanchino e Appiano Gentile. Non si è guardato all'euro per mandare in scena il primo show dell'Inter targata Suning: del resto, l'acquisizione del club è il biglietto da visita con cui Mr. Zhang Jindong, il fondatore dell'impero finanziario che controlla ora il club, si accinge a sbarcare in Europa per fari affari non solo nel calcio.

I tifosi dell'Inter capiscono e per una mattina si lucidano gli occhi, sperando che le promesse di investimenti per tornare in vetta non restino solo parole gettate al vento del pomeriggio cinese, nonché incerto (climaticamente) mattino milanese. Sono giornate di sogni, dolci a sufficienza per dimenticare anche qualche strafalcione andato in diretta Tv "grazie" a un improvvisato interprete cinese-italiano che ha davvero fatto di tutto per mandare a monte la festa...

Non fossero stati certi di assistere alla presentazione dei nuovi proprietari nerazzurri, ad esempio, i più distratti avrebbero fatto un balzo sentendo magnificare "l'acquisizione del Milan" e, addirittura, sottolineare la volontà di Suning di "riportare al top il Milan". Scherzi del triplo passaggio dalla lingua locale alla nostra via inglese. E scherzi del calcio globalizzato, cui ormai ci si deve rassegnare anche sotto gli aspetti.

L'imbarazzo è finito con la conclusione dell'intervento (fiume) del presentatore. Poi si è passati al cinese-inglese e stop. Meglio, molto meglio. Perché prima di venire zittito (chissà per ordine di chi, e chissà che fine farà...), l'interprete delle gaffes aveva anche regalato momenti di ilarità citando i dirigenti dell'Inter: "Erik Tosir", "Michele Bolinbroc" e altri ancora.

E' il nuovo calcio, bellezza (non solo nerazzurra). Per tutto il resto sarà sufficiente aspettare le prime mosse della nuova Inter.

© Riproduzione Riservata

Commenti