Calcio

Pogba, l'uomo da 100 milioni di euro. Raiola: "La Juve non se lo può permettere"

In estate il francese nel mirino delle grandi d'Europa. Se parte, ecco un top player in attacco: Cavani favorito su Falcao e Jovetic

SS Lazio v Juventus FC - Serie A

Giovanni Capuano

-

Le lunghe manovre d'addio di Pogba alla Juventus e al calcio italiano sono iniziate. Già altre volte Mino Raiola aveva espresso il suo pensiero sulla possibilità per la serie A di tenersi stretto il gioiello francese; discorsi in generale sul potere economico della Juventus e non solo paragonato a quello delle big europee. Adesso, però, le parole prounciate dal potente procuratore a Mediaset hanno un peso diverso perchè arrivano nel momento in cui molte società stanno muovendo passi decisi per arrivare a Paul. "Quanto vale? La valutazione lo decide chi lo compra, ma sicuramente nessuno se lo aspettava così forte" ha detto Raiola, che poi ha gelato le (poche) speranze bianconere di poter costruire su Pogba un ciclo di successi: "Non penso che possano permetterselo per molti anni. E' uno dei migliori dieci in Italia, per non dire dei migliori tre, e al momento la serie A non può accontentare un campione del genere".

E dire che Pogba ha recentemente rinnovato il suo accordo con i bianconeri salendo a uno stipendio di prima fascia: 4,5 milioni di euro. Tutto inutile. In estate partirà l'asta e i grandi club europei si stanno già muovendo sotto traccia, pronti a recapitare a Torino un'offerta irrinunciabile da 80-100 milioni di euro. Del resto anche Bale un anno e mezzo fa è stato valutato quelle cifre e il centrocampista 21enne ha tali margini di crescita da giustificare qualsiasi investimento. Sarà il gioiello del mercato estivo e Marotta si sta preparando alla sostituzione, chiunque sia il pretendente che avrà la meglio: Real Madrid, Psg, Chelsea o Manchester City.

In cima alla lista dei possibili arrivi c'è Edinson Cavani, 27 anni, in rotta con il Psg e pronto al ritorno in Italia. Avrebbe uno stipendio alto ma non troppo fuori linea rispetto ai parametri juventini e ci sarebbe il vantaggio di poter strappare condizioni vantaggiose ai parigini. Poi c'è il sogno Falcao, reso più realistico dalle difficoltà incontrate dal colombiano nel Manchester United. Qui il problema è l'ingaggio fuori da ogni logica per il calcio italiano, oltre al costo del cartellino. In ogni caso gli uomini mercato della Juventus avranno tempo qualche mese per ragionare. Intanto si muovono su piste parallele che portano a Jovetic più che a Januzaj o Mkhitaryan. Dopo il no di Sneijder è proprio il montenegrino il preferito.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Calciomercato 2014/2015: il tabellone con acquisti e cessioni invernali

Squadra per squadra, tutti i trasferimenti e le trattative fallite del mercato di riparazione della Serie A

Commenti