Calcio

Parma: non è valida la proposta d'acquisto

La doccia fredda arriva dai curatori fallimentari dopo aver visionato quanto depositato dal notaio dalla cordata facente capo a Giuseppe Corrado

parma_acquisto

Redazione

-

Sono durate davvero lo spazio di un mattino le speranze dei tifosi del Parma di avere una nuova proprietà. L'offerta d'acquisto presentata dalla cordata facente capo a Giuseppe Corrado, presidente e ad di "The Space Cinema", non è infatti valida: a comunicarlo sono gli stessi curatori fallimentari Angelo Anedda e Alberto Guiotto, dopo essersi recati dal notaio Giulio Almansi, designato dal giudice delegato a sovrintendere alle operazioni di vendita del club, per visionare la busta consegnata appunto stamani.

Nella nota i curatori scrivono che ''la comunicazione consiste in una manifestazione d'interesse non conforme a quanto previsto dal Disciplinare di Gara e non corredata da cauzione, a firma delle società Viris Spa e Unigasket Spa''. Aggiungono poi i curatori: ''Tale manifestazione d'interesse, unitamente alle altre comunicazioni ricevute dai curatori nella mattinata odierna, saranno sottoposte all'attenzione del Comitato dei Creditori e del Giudice Delegato nella giornata di domani, affinché vengano prese le opportune determinazioni''. 

Piemontese d'origine, laureato in economia e commercio, Giuseppe Corrado vive a Parma e prima di approdare nell'industria dell'intrattenimento cinematografico è stato dirigente in Olivetti, Fiat, Barilla e Mediaset. Ad affiancarlo in questa operazione, i cui sviluppi sono ora tutti da verificare, ci sono altri importanti esponenti finanziari e personaggi dell'industria, i cui nomi sono però ancora "top secret". 

© Riproduzione Riservata

Commenti