FC Internazionale v Athletic Club Bilbao - Preseason Friendly
Calcio

E a Parma curva chiusa agli interisti (su ordine degli ultras)...

Niente settore aperto nell'amichevole con l'Athletic su suggerimento (con ricordo di incidenti nel 2008) dei Boys

Nessuno è rimasto fuori, visto che ai botteghini si sono presentati in 4.840 con colpo d'occhio desolante per un'amichevole che metteva di fronte l'Inter a un'ottima squadra come l'Athletic Bilbao. Però la Corva Nord del Tardini chiusa ai colleghi interisti su richiesta degli ultras di casa è una notizia che merita di essere sottolineata nell'estate in cui il calcio italiano ha dichiarato guerra ai rapporti troppo stretti tra club, giocatori, tifoserie e forze dell'ordine. Il bando alle gogne sotto le curve deve essere stato dimenticato per una notte, se è vero che per sbarrare le porte della Curva Nord è bastata una lettera dei Boys Parma 1977 al sindaco Federico Pizzarotti.

Poche righe per chiedere di non vedere "il luogo sacro profanato", ricordare che lì "risiede l'anima del tifo crociato, i murales, la targa per Matteo e le sciarpe che da tutta Italia sono state donate per onorare il suo ricordo" e, infine, con tono vagamente ricattatorio, fare riferimento agli incidenti tra le due tifoserie che resero un inferno il pomeriggio del 18 maggio 2008, quello dello scudetto nerazzurro conquistato proprio al Tardini sotto la pioggia con doppietta di Ibrahimovic. Richiesta di chiusura del sacro luogo "al fine di evitare situazioni analoghe per le quali noi (gruppo Boys Parma 1977 ndr) non possiamo fornire alcun tipo di garanzia dato che gestire l'ordine pubblico non rientra tra le nostre mansioni".

Come si sono comportati sindaco, forze dell'ordine e organizzatori? Semplice, dando ragione agli ultras e torto alla logica. Che vorrebbe un'istituzione in grado di scegliere autonomamente non esponendosi al ricatto di una tifoseria che, pur essendo straordinaria nella prova di attaccamento che sta dando in settimane dramamtiche (sportivamente) per il Parma, si è comportata come tutte le altre. Quelle che comandano nelle curve italiane. Indisturbate. Anche d'estate e se si tratta di vietare l'accesso al sacro luogo del tifo senza regole.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti