Calcio

"La pallonata": indovina chi è quell'allenatore italiano che...

Il pareggio? Colpa degli infortuni e degli avversari più esperti. Dicesse anche la pioggia, la risposta sarebbe facile. Invece...

pallonata

Giovanni Capuano

-
pallonata_testata

Raccontano che un famoso allenatore italiano, che ha costruito la sua carriera sul 3-5-2, si sia presentato ai giornalisti dopo aver incassato un pareggiotto in casa spiegando di non essere deluso perché “già affrontare la temibile Topazia non era semplice” e che poi “ci si è messo anche il problema del difensore Natal” (infortunatosi, ndr). E che comunque quella avversaria “era una squadra più rodata” e che i suoi giocatori erano “condizionati dagli infortuni”.

“Certo”, ha spiegato a chi lo ascoltava, “possiamo anche giocare a quattro, ma così abbiamo perso riferimenti e trame di gioco” e da lì è nata la prestazione non eccelsa della sua squadra, anche se alla vigilia aveva detto di aspettarsi vittoria e bel gioco. Pare, ma questa è forse leggenda metropolitana, che il celebre allenatore abbia anche chiesto ai giornalisti di “confrontare le presenze in nazionale degli avversari con quelle dei suoi uomini” e che abbia chiuso definendo la sua squadra “raffazzonata per gli infortuni”.

Non si hanno notizie di riferimenti alla pioggia, che pure era caduta copiosa nelle ore della vigilia. Altrimenti avremmo avuto la certezza che si trattava di Mazzarri.

© Riproduzione Riservata

Commenti