Calcio

Palermo, Cassini si presenta: "Pronto a raccogliere l'eredità di Dybala"

Il trequartista brasiliano di 19 anni arriva dal Corinthians: "Il calore della Sicilia è come quello del Brasile, sono pronto"

Matheus Cassini

Matteo Politanò

-

Il Palermo ha già in mano l'erede di Paulo Dybala, un nuovo 19enne sudamericano di grande talento e pronto a far sognare i tifosi rosanero. Si tratta di Matheus Cassini, trequartista del Corinthians, intervistato da Mediagol.it a pochi giorni dal viaggio che lo porterà in Sicilia per la prima volta: "Devo premettere che per me arrivare in Europa è un sogno che si realizza. Ho la fortuna di farlo da giovane, non mi farò scappare questa ghiotta opportunità. Sono un giocatore molto duttile. Posso agire sia da trequartista che da ala mancina o seconda punta. Amo svariare su tutto il fronte offensivo e mettermi a disposizione della squadra. Ho un buon tiro e, quando ne ho la possibilità calcio spesso dalla media distanza senza pormi problemi. Infine, mi piace dare una mano anche alla difesa: sono uno di quelli che torna verso la propria area di rigore per fare legna".

Modulo preferito? Tutti, sia il 3-5-2 che il 4-3-2-1". Il suo idolo è Cristiano Ronaldo e per il Palermo c'è già un senso di gratitudine da ripagare: "Mi è piaciuta la pianificazione dei rosanero e il progetto prospettatomi dal presidente Zamparini. Inoltre ho studiato molto e ho capito che la piazza palermitana è molto calorosa, praticamente come in Brasile. Hanno un amore spassionato per la squadra della propria città. Sono sicuro che a Palermo mi sentirò a casa. C'erano offerte da parte di altre squadre europee. Non mi va di fare nomi, ma posso assicurare che diverse società avevano avanzato proposte anche allettanti. Tuttavia, come detto, ho voluto scegliere Palermo a tutti i costi".

Due parole anche su Dybala, la punta di cui Cassini dovrà raccogliere la pesante eredità: "L'ho seguito molto in questa stagione. Rappresenta un modello per ogni giovane che vuole diventare un top-player. Qui in Sudamerica è molto popolare. Ho visto alcune sue giocate. Io andrò al Palermo per mettermi in mostra, per aiutare la squadra a vincere e per far felice i palermitani. A 19 anni non mi sento prontissimo a raccogliere l'eredità di un bomber affermatosi a livello mondiale.".

© Riproduzione Riservata

Commenti