Calcio

Napoli, festa da solo: Sarri vola, ma il San Paolo resta vuoto

La squadra sta entusiasmando, eppure il pubblico è freddo: 28.068 di media nelle prime tre gare casalinghe

FBL-ITA-SERIEA-NAPOLI-JUVENTUS

Giovanni Capuano

-

C'è un Napoli che vola e una Napoli che fa finta di niente. Distaccata rispetto al cammino della squadra di Sarri che sta entusiasmando e, con il cambio di modulo, ha trovato anche continuità di risultati e un livello spettacolare di gioco. Un vero paradosso: i partenopei escono tra gli applausi a San Siro, ma quando giocano in casa sono costretti ad esibirsi in un frigorifero.

I numeri dell'inizio di stagione sono impietosi. Contro Sampdoria (25.128 spettatori), Lazio (18.766) e Juventus (40.311) il club di De Laurentiis ha raccolto complessivamente 84.205 paganti trabotteghino e i pochissimi abbonati. Una miseria per una società di primo livello. Per intenderci, il solo derby contro il Milan ha fruttato all'Inter oltre 79mila presenze e un ibcasso record.

San Paolo, lo stadio off limits: se non si può entrare, chiudetelo...


A Napoli si va poco allo stadio, sempre meno. Senza tirare in ballo i fantasmagorici numeri dell'era Maradona, basta il confronto con l'anno scorso per segnare la differenza in negativo. A parità di avversari erano corsi al San Paolo in 124.390: il calo è di 40.185 unità con una media di oltre 13mila spettatori in meno a partita. 

E andando indietro alla prima stagione di Benitez il confronto è ancora più negativo: 142.376, quasi il doppio rispetto ad oggi con una media vicina ai 50mila. L'ultimo Mazzarri nel 2013-2014? Dato nettamente migliore rispetto al Napoli di Sarri: 134.310 con una media presenze di 44.470.

La chiusura del settore ospiti contro Lazio e Juventus ha tolto qualche spettatore, ma non cambia il quadro che è quello di una piazza fredda con De Laurentiis e il modo di gestire la squadra. I tifosi si sentono traditi per non aver visto realizzato il salto di qualità definitivo che il presidente aveva promesso. Il paradosso è che la fuga dal San Paolo avviene oggi con un gruppo che si sta lanciando a velocità massima, fa spettacolo e ha giocatori di primo livello.

La lotta con il Comune sul futuro dell'impianto e le condizioni in cui versa spiegano in parte la disaffezione da uno spettacolo 'scomodo'. Però lo stadio era lo stesso, con tutti i suoi difetti intatti, anche qualche stagione fa. La domanda, insomma, sorge spontanea: per quanto Napoli e il Napoli si potranno permettere Higuain (e non solo) se la piazza esprime ricavi da botteghino al livello di città come Firenze e Genova lontanissime per bacino d'utenza e potenzialità?

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

San Paolo, lo stadio off limits. Se non si può entrare, chiudetelo...

Per il secondo anno consecutivo settore ospiti chiuso contro la Juventus. Il motivo? Tornelli guasti e telecamere che non funzionano

Il San Paolo? Un colabrodo. Raid degli ultras del Legia Varsavia

Un video incredibile fa il giro del mondo: ecco come si può entrare indisturbati nello stadio che fa litigare De Laurentiis e De Magistris

Commenti