Calcio

In Lazio - Juventus debutta l'occhio di falco per i gol fantasma

La finale di coppa Italia segnerà l'esordio della goal line tecnology grazie all'hawk-eye. Ecco come funziona

hawk

Matteo Politanò

-

Il presidente della Lega Serie A Mauro Beretta ha annunciato che la prossima finale di coppa Italia tra Lazio e Juventus sarà anche l'occasione dell'esordio per "l'occhio di falco", la tecnologia che servirà a convalidare o meno i gol fantasma.

L'Hawk-eye era stato sperimentato con successo nell'ultimo mondiale brasiliano e in questa stagione anche la Premier League si è adeguata sbrogliando situazioni non facili da gestire come quella del gol fantasma di Chelsea - Hull City. Ecco così che dopo anni di polemiche e appelli alla "moviola in campo", il calcio italiano ha deciso di rimettersi al passo con i tempi. 

Dalla finale di coppa italia sarà così sperimentata la tecnologia di replay istantaneo, idea acquistata da Sony dopo che era stata utilizzata per la prima volta nel cricket

Come funziona l'hawk-eye

La tecnologia dell'occhio di falco è semplice e nasce dall'intrecciarsi dei dati raccolti da numerose telecamere ad alta velocità disposte intorno allo stadio e focalizzate sull'obiettivo, la traiettoria della palla quando si avvicina alla linea di porta. I dati elaborati dalle telecamere vengono poi inviati ad un'unità di elaborazione centrale che analizza la posizione della palla sulla linea di porta.

Se il sistema riconosce che la palla ha varcato la linea di meta, invia le informazioni in meno di un secondo al dispositivo che l'arbitro indossa sul polso. Inoltre per comunicare la situazione immediatamente e definitivamente, Hawk-Eye è anche in grado di inviare il video con la ripetizione del movimento che dimostra la validità della decisione adottata dal sistema e può essere proiettata anche sui maxi schermi per essere mostrata al pubblico.

© Riproduzione Riservata

Commenti