Moratti e Thohir: i dettagli dell'accordo

Li pubblica il Corriere della Sera: Thohir in società, Moratti padre nobile e le clausole di comportamento a tutela dei tifosi - Tutto su Thohir - La Moratti story

thohir

Il magnate indonesiano Erik Thohir subentra in società con un investimento da 300 milioni di euro – Credits: Ansa

Giovanni Capuano

-

Quattro volumi da un centinaio di pagine ciascuno, in mano ai legali che seguono Moratti ormai da qualche giorno, passati riga per riga prima di dare il via libera alla firma che sancirà la cessione dell'Inter al magnate indonesiano e la chiusura dell'era Moratti dopo 18 anni di successi e spese folli. A sollevare il velo ai dettagli dell'intesa tra Moratti e Thohir dopo mesi di indiscrezioni e voci è il Corriere della Sera , che pubblica i particolari dell'accordo svelando anche qualche novità rispetto alle notizia fin qui note.

LA COMPOSIZIONE DEI SOCI - Comanderà Thohir che, insieme ai due soci che si è portato dietro in questa avventura (Roson Roeslani e Handy Soetedjo), rileverà il 70% delle azioni dell'Inter lasciando a Moratti il 30% rimanente. La holding guiderà il club e avrà la maggioranza nel consiglio d'amministrazione entrante (4 o 5 membri sui 7 totali). Il pacchetto azionario del 70% sarà inserito in una società creata ad hoc di cui Thohir possiederà il 50,1% che equivale al controllo dell'Inter con il 35% della proprietà delle azioni della società.

MORATTI NON SARA' PRESIDENTE - La sorpresa è che, differentemente da quanto si era capito, Thohir avrà un ruolo anche operativo all'interno della nuova Inter e non lascerà ad altri la carica che si presume di presidente. Moratti del resto lo aveva lasciato intendere quando aveva detto che il suo ruolo non sarebbe stato un problema sul tavolo delle trattative. Il (quasi) ex presidente potrebbe avere, invece, una sorta di carica da 'padre nobile' della società come riconoscimento della sua storia e a tutela della continuità con il popolo dei tifosi. Il figlio Angelomario sarà vice presidente esecutivo e nome nuovo dei Moratti nell'Inter.

LE CIFRE DELL'ACCORDO - Thohir entrerà nell'Inter versando circa 100 milioni in aumento di capitale e garantendo eventuali nuovi esborsi di denaro per rendere forte il club attraverso un sistema di 'warrant', strumenti finanziari che obbligano chi li sottoscrive alla ricapitalizzazione. Thohir solleverà Moratti anche dal ruolo di garante personale dei debiti dell'Inter. In questo modo l'attuale presidente capitalizzerà la cessione del 70% che gli lascerà in tasca un assegno di soli 50 milioni di euro.

IL FUTURO - Secondo quanto riportato dal Corriere della Sera, nel contratto è specificato che il 30% rimanente in mano a Moratti non è vincolato in alcun modo alla cessione futura a Thohir e ai suoi soci. Non esiste alcuna opzione in tal senso, se non a favore di Moratti che potrà obbligare il socio indonesiano a rilevare questo 30% o, al contrario, forzarlo a ricedergli la partecipazione. E' la famosa clausola a tutela dei tifosi di cui si è molto scritto e scatterà in caso di violazione di una serie di norme sportive e comportamentali. Nei piani di Moratti l'Inter deve restare un top club europeo in linea con la sua storia; Thohir l'ha capito e messo nero su bianco, ma se venisse meno tra qualche anno il petroliere potrebbe tornare alla guida della società.

© Riproduzione Riservata

Commenti