Monza e il razzismo con lo sconto: ha vinto Panorama

Ribaltata la sentenza di sola multa per i cori contro il Rimini. Il caso sollevato lo scorso 2 ottobre quando nessuno se ne era accorto

L'articolo con cui Panorama.it denunciava la sentenza sbagliata del Giudice sportivo di Lega Pro

Giovanni Capuano

-

Il caso era stato sollevato da Calcinfaccia e poi da Panorama.it già lo scorso 2 ottobre nel silenzio generale. Come era possibile che il Giudice sportivo della Lega Pro avesse comminato solo 9.000 euro di multa al club brianzolo per i cori razzisti che avevano portato alla sospensione di Monza-Rimini? Impossibile. Nessuno si era mosso e la segnalazione effettuata direttamente al presidente della Figc, Giancarlo Abete, si era conclusa con la garanzia che la federazione si sarebbe mossa.

Sono passati quasi due mesi e la Corte di giustizia federale ha ribaltato quella sentenza. Non multa con le attenuanti (che non esistono più), ma chiusura della curva con la condizionale perché nel frattempo le regole sono cambiate. Anche su questo ci sarebbe da discutere, visto che viene applicato lo sconto retroattivamente, ma ci accontentiamo.

La cosa inaccettabile è che i giudici d’appello lascino intendere, come oggi scrivono i giornali, che la prima sentenza è stata un errore dovuto al cambio norme che ea sfuggito al Giudice sportivo della Lega Pro. Si era nei giorni bollenti della polemica per i cori razzisti e discriminatori in serie A e un giudice sportivo non sapeva della novità. Se non lui chi avrebbe dovuto?

Per leggere la denuncia di Panorama CLICCA QUI

Per leggere la risposta della Figc CLICCA QUI

Seguimi su Twitter @capuanogio

© Riproduzione Riservata

Commenti