Calcio

Nasce il Milan low cost (ma per la critica è una scommessa già vinta)

Mercato senza top player, fuori dall'Europa e con conti da sistemare. Eppure Giampaolo, Boban e Maldini godono di grande credito

milan tifosi mercato giampaolo boban maldini

Giovanni Capuano

-

Il Milan di Gattuso è arrivato a un punto dal terzo posto e se non fosse stato per la flessione finale e per una certa dose di fuoco amico nel corso della stagione, avrebbe probabilmente raggiunto il traguardo della qualificazione alla Champions League. Che poi sarebbe stata, forse, cancellata dalla sentenza Uefa che ha estromesso il club dall'Europa, ma questo è un altro discorso.

Il primo Milan di Giampaolo, Maldini e Boban - con benedizione di Gazidis per la prima estate nel pieno dei suoi poteri di uomo azienda - parte rinforzato al momento da giocatori di squadre che l'anno scorso sono finite tutte dietro ai rossoneri: l'Empoli retrocesso (Krunic e Bennacer) o la Fiorentina del desiderato Veretout. Più Theo Hernandez che ha disputato la stagione con la Real Sociedad a metà classifica della Liga e in attesa di vedere cosa accadrà con il rientrante André Silva.

Anche il tecnico ha un curriculum in cui si riconosce chiaramente la sua capacità di costruire squadre che giocano bene a pallone, ma si ignora l'adattabilità a progetti di vertice o che, in ogni caso, abbiano come obiettivo quello di un rapido rientro nell'Europa del calcio. Possibilmente dalla porta principale.

Nasce il Milan sostenibile (per i conti)

La realtà è che questa è la fotografia del Milan di oggi, che non può vivere come ha fatto in passato e che ha come obiettivo primario quello di tornare ad essere sostenibile. Lo deve fare per rispettare le necessità del fondo Elliott, che continua a guardarsi intorno se dovessero arrivare offerte per la cessione, e per evitare in futuro altri guai con la Uefa.

Una dieta dimagrante non necessariamente negativa, che è stata spiegata ai tifosi dalle parole di Gazidis e che sembra essere stata digerita. I paletti sul mercato sono evidenti. Difficile attrarre top player se la prospettiva è quella di stipendi da 2,5 milioni a stagione e le possibilità di investimento sono limitate. Il che non significa non muoversi (infatti fin qui il club ha chiuso acquisti definitivi), ma i margini sono quelli che si può permettere una società nelle condizioni in cui è il Milan attuale.

La critica e il credito per Boban e Maldini

Più difficile comprendere, invece, l'innamoramento collettivo per un progetto tecnico che ad oggi assomiglia a una scommessa e nulla più. E' vero che Maldini e Boban portano in dote un carisma e una credibilità personali che fa da scudo a critiche preconcette (e Boban ha detto chiaramente di aver lasciato la Fifa solo perché convinto dalle idee di Elliott), ma alcune aperture di credito paiono quasi frutto di speranze più che di concreti ragionamenti.

La fine del mercato è lontana e arriverà anche il momento delle cessioni. Che Milan avrà in mano Giampaolo? Con quali obiettivi reali? Il solo fatto che il tecnico, intelligentemente, si sia tenuto alla larga dal dichiarare il quarto posto Champions come prospettiva concreta conferma come ad oggi i rossoneri siano un'idea affascinante e niente altro. 

Impossibile immaginare duelli con la Juventus e il Napoli. Forse neanche con l'Inter, che pure un anno fa è stata a tiro e a lungo dietro. La squadra che sta nascendo è più forte della Roma e della Lazio? E della solita sorpresa Atalanta? Giampaolo ha più abitudine alle altezze cui è chiamato rispetto a Fonseca?

Domande attorno a cui gira la previsione sulla stagione milanista. Che sarà di transizione, ma dovrà necessariamente prevedere tappe di crescita rapida. La sensazione a inizio estate è che alcune risposte oggi non consentano sogni, anche se i sorrisi di Boban e Maldini hanno conquistato tutti. Con qualche endorsement impegnativo come quello di Arrigo Sacchi verso Giampaolo che da metà agosto sarà obbligato alla riprova dei risultati.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Accordo al Tas: Milan fuori dall'Europa League. Ecco cosa succede

Esclusione nella prossima stagione per sanare i due procedimenti aperti dalla Uefa per le violazioni del Fair Play Finanziario dal 2015 al 2018

Inter e Milan, San Siro: ecco perché è giusto demolirlo e rifarlo nuovo

Maggiori vantaggi economici e possibilità di disegnare un impianto futuristico. Servizi, infrastrutture e la corsa ai ricavi da triplicare

Juventus, Inter, Milan e Fiorentina: ecco dove vedere le amichevoli 2019

L'estate della International Champions Cup 2019 in giro per il mondo. Diritti tv presi da Sportitalia (e trasmessi in chiaro e gratis)

Commenti