Calcio

Milan, il capo di Alibaba alla guida della cordata degli acquirenti cinesi

Per ora si tratta solo di un rumor diffuso da "la Repubblica". Dalla Cina e da Fininvest: "no comment"

jack-ma-alibaba

Redazione

-

Sarebbe Jack Ma, l'imprenditore cinese fondatore di Alibaba, il capocordata del gruppo che vorrebbe comprare il Milan.
Lo scrive questa mattina il sito di Repubblica.

Jack Ma, che è anche il comproprietario del Guangzhou Evergrande, la più importante squadra di calcio cinese, dovrebbe ottenere da Silvio Berlusconi l'ok per l'acquisizione della maggioranza delle azioni del club.

Secondo Repubblica, comunque, non sarebbero ancora stati sciolti i dubbi sulla formula dell'operazione. Si lavora attorno all'ipotesi di un 70% delle quote subito alla cordata cinese. Il restante 30% verrebbe ceduto a distanza di un anno.

L'ammontare dell'offerta sarebbe di 500 milioni di euro, al vaglio dei dirigenti Fininvest.

Repubblica sostiene che nel nuovo Milan entrerebbe anche Marcello Lippi in qualità di Direttore tecnico.

Alibaba è una potenza dell'ecommerce, attiva sia nelle transazioni fra aziende (business-to-business) sia in quelle al dettaglio (business-to-consumer): nel 2014 la valutazione di mercato di Alibaba era di 231 miliardi di dollari.

Non commentiamo i rumor. Questa la risposta dell'ufficio di pubbliche relazioni per l'Europa del gruppo Alibaba.

Fininvest non commenta le voci su presunti partecipanti alla cordata interessata ad investire nel club, in primo luogo per il patto di riservatezza stretto con i soggetti che hanno manifestato il proprio interesse.
Tuttavia, in ambienti vicini alla holding si fa notare che, pur non essendoci ancora visibilità totale sul consorzio, durante una trattativa ormai in corso da mesi non è mai stato ventilato direttamente o indirettamente il nome di Jack Ma.

Non è però la prima volta che viene accostato al club rossonero il nome del presidente del colosso del commercio online.
Succedeva proprio un anno fa di questi tempi e, oggi come allora, dal suo entourage arriva la stessa secca risposta.

© Riproduzione Riservata

Commenti