Calcio

Messi e la magia che ha incantato il Re: ecco il gol all'Athletic Bilbao

Slalom come Maradona: 5 avversari saltati in 10 secondi. L'ultima perla di Leo spaventa la Juventus

Barcelona v Athletic Club - Copa del Rey Final

Giovanni Capuano

-

Uno slalom pazzesco, che ha incantato il Camp Nou, rubato la scena anche al Re di Spagna ed è finito dritto nella galleria delle magie di Leo Messi. Ricorda i capolavori di Maradona, ma anche quelli della stessa Pulce che di avversari saltati come birilli se ne intende e che viene celebrato dai giornali di tutto il mondo il giorno dopo aver trascinato il Barcellona al doblete conquistando la Copa del Rey nella finale contro l'Athletic Bilbao. Adesso c'è l'appuntamento con la storia all'Olympiastadion di Berlino per la sfida contro la Juventus che vale la Champions League e l'argentino ha dimostrato di essere in perfetta forma psicologica e fisica. Sta bene e questa non è una buona notizia per Allegri e per la difesa bianconera.

 

Il gioiello di Messi è arrivato al minuto numero 20 del primo tempo e ha spezzato l'equilibrio della finale. Una prodezza con numeri eccezionali. Dal momento in cui ha ricevuto palla poco oltre la linea di centrocampo, Messi ci ha messo 12''07 per arrivare alla conclusione vincente, con un surplace iniziale di 1''70 e un'azione travolgente durata 10''37 durante la quale ha toccato palla 15 volte fino al sinistro che ha portato in vantaggio il Barcellona. Leo ha usato quasi unicamente il piede mancini (14 tocchi su 15) servendosi del destro solo per la finta con la quale ha saltato due avversari contemporaneamente accentrandosi. In tutto sono stati 5 i giocatori dell'Athletic Bilbao che si sono dovuti arrendere alla progressione palla al piede dell'argentino che poi ha incrociato sul primo palo. Semplicemente fantastico.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Messi stende Boateng: le parodie sul web

Garcia, la Juve inarrivabile e la serie A che rischia il modello Bundesliga

Il tecnico della Roma: "Gap incolmabile anche per via del fair play finanziario". La politica di Platini che uccide i campionati nazionali

Commenti