Dalai: "Icardi è innamorato, perché giudicarlo?"

Il giornalista e scrittore Michele Dalai dice la sua sulla storia tra il numero 9 dell'Inter e Wanda Nara: "Il mio consiglio? Ispirati a Bobo Vieri"

Matteo Politanò

-

Il caso Icardi sta sfuggendo di mano. Il bimbo di Rosario è innamorato. Fin qui niente di strano, se non fosse che a rubare il cuore dell'argentino c'è Wanda Nara, ex moglie di Maxi Lopez, provocante soubrette che nelle sue carrellate di foto lascia sempre poco spazio all'immaginazione. Ormone impazzito attraverso i social, al punto che Icardi ha scelto Twitter per fare coming out sui suoi sentimenti. Una storia d'amore che fin dalla prima dichiarazione ha fatto storcere il naso alcuni e sorridere altri. 

Le cotte capitano, tanto meglio se sono condivise. Quella di Icardi è però degenerata in poche settimane, soprattutto se si considera la visibilità di un personaggio pubblico con tanti occhi addosso. Tutto su Twitter, tutto in piazza. Dall'opinabile scelta di tatuarsi sull'avambraccio il nome della nuova fiamma all'ultima prodezza: twittare un messaggio dal contenuto a dir poco sensuale "bocca sensuale, la sua lingua è la mia debolezza..." durante Inter - Parma. Tributo alle arti di Wanda Nara: impossibile non essere d'accordo e immaginare l'entusiasmo dei ricordi durante la scrittura in 140 caratteri. Meno comprensibile la perseveranza nel vivere una storia privata in modo pubblico, scelta che anche l'Inter ha fatto capire di non gradire. 

Alcuni tifosi sono preoccupati per un colpo di teatro che neanche Balotelli avrebbe mai concepito ma come si può spiega la situazione Icardi? Semplice ingenuità o primo sintomo di una nuova testa ingestibile? Ne abbiamo parlato con Michele Dalai, giornalista, scrittore e tifoso interista. 

Partiamo da una verità assoluta: difficile non perdere la testa per Wanda Nara...

Questione di gusto, però diciamo che sicuramente la ragazza ha degli argomenti…

Tatuarsi il nome di una donna è già un azzardo, farlo dopo poche settimane sembra però proprio una follia...

Quella di Maurito è una generazione particolarmente tatuata, sicuramente è un gesto forte. Ha completamente perso la testa, sarà che ho un debole per Icardi ma non riesco a giudicarlo male. Si è operato, spero che recuperi al meglio. Per ora l'unico rischio che corre è quello di mettersi un po' in ridicolo…

Perché vivere una storia privata su Twitter?

Credo che ci sia qualcosa nella meccanica di questa relazione, nel modo in cui è nata, che chiaramente non sappiamo e non hanno potuto dire. Sono certo che ci sarà un motivo alla base di tutto, nessuno dei protagonisti si è pronunciato facendo chiarezza. Noi ne cogliamo il lato più grottesco, è una storia da nativi digitali. Lui è molto giovane, sono cazzate che fanno molta tenerezza, non riesco a vederci una grande gravità. E' innamorato, ha perso la brocca per una donna appariscente e più grande di lui… Ci sta. 

Il fatto di twittare durante la partita dell'Inter è da considerarsi ingenuità o menefreghismo?

E’ una grossa ingenuità, ma parliamo di una partita brutta che lui non era costretto a guardare per contratto. Prendiamo Juan Jesus che è l'esempio opposto: un giocatore molto legato alla maglia che segue sempre l’Inter. Non si può pretendere questa cosa da un ragazzo che veste nerazzurro da due mesi. La caratura del tweet è talmente folle che fa sorridere, non ci si può arrabbiare…

C'è il rischio che la situazione Icardi sfugga di mano?

Mi auguro che succeda una cosa del genere perché vorrebbe dire che Maurito rende sul palcoscenico del calcio prima di tutto come atleta. Per ora purtroppo si deve parlare della pubalgia, delle sue giocate si è parlato molto poco. Siamo molto lontani dal caso in stile Balotelli. E poi quando è andato in Argentina c'era il consenso della società… 

Nell'Nba i giocatori vengono preparati alla gestione di "cash woman" e "social", quanta colpa ha l'Inter in questa vicenda?

Vero, bisognerebbe preparare i giovani alla ricchezza e alle realtà che derivano dal calcio. Un aiuto e un supporto che però dovrebbe arrivare da parte della Lega. Una preparazione al mondo del  calcio professionistico servirebbe sicuramente a tutelare tanti giovani che arrivano da realtà completamente diverse. Oppure decidiamo di togliere a tutti Twitter ma se lo fai devi toglierlo anche a Piqué e Arbeloa che litigano dopo il Clasìco, al Toro e alla Juve che si insultano dopo il derby. Sono riflessi della personalità e su questo argomento sono molto poco moralista. 

Come ti immagini sarà la prossima sfida tra Inter e Catania?

Come premessa sono due squadre imbottite di argentini di personalità. L’Inter ha Cambiasso, Zanetti, Samuel e Campagnaro, il Catania tanti mestieranti come Izco, Alvarez e Bergessio, uno davvero tosto. Non lo so, non sappiamo cosa è successo tra Maxi Lopez, Wanda e Icardi. Magari è una cosa quasi consensuale, chi lo sa... Sono curioso, ma non vedo tutta questa tensione. La verità è che è una storia molto poco interessante, Icardi fa tenerezza. 

Un consiglio per Mauro Icardi?

Se vuole continuare a divertirsi credo possa farlo solo a patto di essere impeccabile sul campo. Per farlo gli conviene seguire l'esempio di giocatori come Bobo Vieri o Pippo Inzaghi, che hanno avuto donne meravigliose e hanno vissuto in pieno la loro condizione di giovani rockstar, ma hanno fatto una straordinaria carriera e sono stati professionisti veri. Maurito deve però rendersi conto ormai la sua vita privata è stata messa a nudo e quindi di qui in poi avrà i riflettori addosso. Il mio consiglio? Ogni tanto spegni quel maledetto cellulare...

© Riproduzione Riservata

Commenti