Giovanni Capuano

-

Beppe Marotta è stato dirigente della Juventus dal giugno 2010 al settembre 2018. Insieme a Paratici e agli altri uomini bianconeri ha firmato otto anni di campagne di calciomercato con tanti colpi riusciti bene e qualche inevitabile flop. Sotto la sua gestione la Juventus è stata la quarta società per denaro investito sul mercato alle spalle di Manchster City, Chelsea e Psg.

In tutto Marotta (fonte Transfermarkt) ha speso 1,09 miliardi di euro cedendo, però, anche giocatori per 622 milioni con un saldo negativo di 422. Investimenti obbligatori per riportare il club a primeggiare in Italia ed Europa dopo gli anni bui post-Calciopoli che erano culminati nel settimo posto del 2009-2010 poi replicato una stagione più tardi già sotto la gestione Marotta. Quindi l'avvento di Conte e l'esplosione tecnica e di ricavi.

 

Gran parte dei flop, come si vede, sono concentrati nella prima estate in cui Marotta passò dalla Sampdoria alla Juventus portandosi dietro Fabio Paratici e Luigi Delneri. Mesi in cui, però, cominciò anche a gettare le basi per il ritorno ad altissimi livelli con una serie di operazioni che hanno garantito al club l'ossatura della squadra poi vincente.

A Marotta è stato spesso imputata la colpa di non essere in grado di replicare sul mercato estero lo stesso potere di quello interno. Due esempi: le trattative infinite e fallite per Draxler e Witsel. La realtà è che il dirigente è cresciuto di pari passo con la crescita della società che doveva ripartire dalle ceneri e che all'inizio aveva scarso appeal internazionale. L'estate 2018, con l'arrivo di Cristiano Ronaldo, ha chiuso definitivamente anche quella pagina.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Marotta-Inter. Cosa deve fare (e cosa no) | video

Dalla Juventus all'Inter. Marotta, ultimo di una lunga lista - FOTO -

Ecco chi sono i giocatori (ed i dirigenti più famosi) che sono passati dalla Juve alla Beneamata

Nasce la Juventus del dopo-Marotta: ecco chi sono gli uomini scelti da Agnelli

Fabio Paratici, Giorgio Ricci e Marco Re: a loro le deleghe delle aree del club che aspira a crescere al livello dei top d'Europa entro il 2024

Commenti