Calcio

Mancini: "La storia dell'Inter è piena di rimonte clamorose"

Alla vigilia della gara di Europa League con il Wolfsburg, il tecnico neroazzurro sprona la squadra: "Per batterli, dobbiamo giocare con la testa"

Xherdan Shaqiri

Dario Pelizzari

-

Roberto Mancini ci crede. Alla vigilia della partita con il Wolfsburg che deciderà il cammino dell'Inter nell'Europa League, il tecnico del club neroazzurro è convinto che ribaltare il 3-1 incassato in Germania sia un traguardo alla portata della sua squadra. "Sono sempre ottimista, alle volte troppo. Finché c'è speranza, ci dobbiamo provare. Il 2-0 è possibile. Loro sono una squadra forte e sarebbe un gran risultato. Ma una gara così ci darebbe morale", ha detto Mancini alla stampa. Tre le speranza per centrare l'impresa. "Primo, tutte le Coppe vinte dall'Inter sono state piene di rimonte clamorose. Secondo, una serata senza errori capiterà anche a noi. Terzo, i giocatori lo vogliono e regaleremo una grande serata ai tifosi". Poi, la raccomandazione: "Ho detto ai giocatori di stare tranquilli. In una sera così bisogna avere un po' di sorte ed essere forti. Dobbiamo stare tranquilli e giocare al massimo delle nostre capacità".

La gara contro il Wolfsburg si potrebbe decidere prima di scendere in campo. Ha detto il tecnico dell'Inter: "Dobbiamo giocare la partita con la testa. Con la consapevolezza che il gol può arrivare in ogni momento. Il Wolfsburg ci aspetterà per sfruttare il contropiede, ma se saremo bravi a segnare subito e poi gestire la partita senza concedere spazi diventerà difficile anche per loro. Poi un episodio può cambiare tutto ma la nostra speranza è quella". Il recupero di Shaqiri, quasi una missione impossibile. "Sta abbastanza bene, ma se c'è il rischio che si possa fare male non lo schiereremo". 

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Inter in caduta libera. Mancini era la soluzione giusta?

Tracollo da incubo contro il Sassuolo, Icardi e Guarin litigano con i tifosi. Mazzarri, esonero frettoloso?

La crisi di Mancini e Benitez (e stasera serie A sul divano)

Inter e Napoli dietro la lavagna nella domenica con poco calcio. E alle spalle della Juve adesso è vera bagarre

La resa di Mancini e Inzaghi: quando Milano consuma i suoi tecnici

In due scatti la crisi di Inter e Milan. Roby: "Non siamo da Champions". E Pippo si appresta a salutare Milanello...

Commenti