Calcio

Calcioscommesse, il Cagliari contro la Figc: "Bloccate i calendari"

Lettera ufficiale del club sardo alla Federazione. Nel mirino la posizione dell'Atalanta: "Campionati sub judice, aspettate i processi"

Cagliari

Giovanni Capuano

-

Il Cagliari minaccia l'avvio della prossima stagione della serie A chiedendo alla Figc di bloccare i calendari in attesa che vengano celebrati i processi estivi per i tanti scandali del calcio italiano. Una bomba che scoppia proprio mentre i dirigenti del nostro pallone si erano convinti di dover vivere i prossimi mesi con una rincorsa contro il tempo per salvare i tornei dalla serie B in giù, senza che ci fosse alcun coinvolgimento per il massimo torneo, uscito indenne dall'ultimo scandalo di Catania. E, invece, non è così perchè la chiusura delle indagini a Cremona con l'invio delle richieste di rinvio a giudizio per 104 persone ha riacceso i riflettori anche sulle posizioni della Lazio e, soprattutto, dell'Atalanta che già era stata processata e condannata nell'estate del 2011. I bergamaschi rischiano seriamente di tornare sotto processo sportivo per la gara contro il Crotone con il coinvolgimento anche dell'allora tecnico Stefano Colantuono e, dunque, il Cagliari si è mosso.

La lettera è stata spedita alla Figc e chiede di bloccare la stesura dei calendari in attesa dei verdetti della giustizia sportiva. "Alla luce della notifica del 415bis nei confronti di alcuni tesserati della serie A per alterazione di partite il cui esito sarebbe stato manipolato" si legge nel testo "ci sono fondate e rilevanti ragioni per mettere in dubbio la regolarità del campionato". Il Cagliari chiarisce che, laddove dovesse scattare il meccanismo della responsabilità oggettiva per i club coinvolti, l'eventuale penalizzazione dovrebbe andare a toccare la stagione appena conclusa "producendo la riscrittura della classifica finale". Quella che ha visto i sardi retrocedere in serie B per soli 3 punti di distacco dall'Atalanta.

Il ragionamento è semplice e devastante al tempo stesso. Siccome il Cagliari ritiene di poter tornare in serie A via giustizia sportiva, chiede che la Figc blocchi ogni attività propedeutica alla prossima stagione "per preservare la regolarità del campionato nonchè garantire il principio di afflittività nella corrente stagione" delle pene che potessero essere comminate a chi ritenuto colpevole. L'Atalanta non viene mai nominata, ma il bersaglio è evidente.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Conte e la Figc, nessun dubbio: debito con la giustizia sportiva già saldato

"Amareggiato, ma vado avanti" dice il ct dopo la richiesta di rinvio a giudizio. Ecco perché Tavecchio fa bene a non scaricarlo

Commenti