La Juve e le altre: mezza Europa senza campionato

Dominano anche Barcellona e Bayern Monaco. Aperte solo Ligue1 e Premier League

La festa dei giocatori della Juventus dopo la vittoria sull'Atalanta – Credits: La Presse

Giovanni Capuano

-

Meno male che c’è il derby di Manchester e che il Psg ci ha messo più del previsto a ingranare la quarta. Meno male perché altrimenti in Europa si potrebbe serenamente andare in letargo fino alla prossima estate e cominciare a preparare la stagione 2012-2013 vivendo solo con le emozioni della Champions League. Ci sono tre campionati praticamente decisi a Natale: Italia, Germania e Spagna. Distacchi abissali tra le prime e le altre, dominio tecnico e liquefazione delle avversarie più accreditate.

Un copione comune per Serie A, Liga e Bundesliga dove solo il suicidio delle capoliste nei prossimi mesi potrà rimettere in gioco le altre e riaprire il torneo. O succede qualcosa oppure la noia sarà mortale fino a maggio.

SERIE A, JUVENTUS - Cominciamo con la Juventus che si è laureata campione d’inverno con due giornate d’anticipo, viaggia a ritmo da record (proiezione finale 92 punti) e molto più veloce di un anno fa (+4 a parità di partite). Miglior attacco, miglior difesa e avversari che si auto eliminano quando si avvicinano alla vetta. Le ultime sono state Inter e Napoli. A dare la sensazione che il campionato sia già (quasi) finito è lo strapotere della squadra di Conte più ancora del vantaggio sulle inseguitrici: +7 sull’Inter, +8 su Napoli e Lazio.

LIGA, BARCELLONA - Anche l’illusione che l’Atletico Madrid potesse insidiare il super Barca di Vilanova è caduta nel confronto diretto vinto dai blaugrana per 4-1 con doppietta del solito Messi. Gli orfani di Guardiola stanno tenendo un ritmo insostenibile: 15 vinte e una pareggiata, 46 punti in 16 giornate, +9 sull’Atletico e +13 sul Real Madrid. Mourinho dopo il pareggio casalingo con l’Espanyol: “E’ difficile pensare di poter vincere questa Liga”. Più che difficile impossibile.

BUNDESLIGA, BAYERN MONACO - Alla pausa d’inverno il Bayern è arrivato con 42 punti, ben 9 più del Bayer Leverkusen che la insege (si fa per dire) in classifica e +12 sul Borussia Dortmund meraviglioso in Champions e l’Eintracht Francoforte. Qualche numero del dominio bavarese: 13 vittorie, 3 pari e 1 sconfitta. Vittoria per k.o. tecnico.

PREMIER LEAGUE E DERBY DI MANCHESTER - In Inghilterra restiamo appesi alla sfida tra City e United. Ferguson ha 6 punti di vantaggio (42 contro 36) e gli altri seguono a distanze siderali. Fuori gioco Arsenal e Liverpool, anche il Chelsea di Benitez ha perso di vista la vetta: -13 con una gara da recuperare. Sentenza quasi definitiva.

LIGUE1 CHE AMMUCCHIATA - Meglio trasferirsi tutti in Francia, dove il livello non sarà straordinario ma l’equilibrio è garantito. La vittoria del Psg sul Lione ha rimescolato le carte. In testa c’è un terzetto composto da Psg, Lione e Marsiglia a quota 35. Poi il Lorient che segue a 5 lunghezze. Se Ancelotti trova continuità è finita, ma fino a qui non è accaduto e a febbraio torna la Champions a distrarre Ibra e compagni.

Seguimi su Twitter e Facebook

© Riproduzione Riservata

Commenti