sturaro_juventus_verona
Calcio

Juventus: la sconfitta di Verona in vista di Coppa Italia... e Champions 2017

Oltre a ritrovare la concentrazione, serve più qualità a centrocampo in assenza di Marchisio e Khedira. E per il nuovo assalto al tetto d'Europa

Domenica sera, dopo aver assistito alla caduta della Juventus a Verona, Max Allegri non era arrabbiato né preoccupato. Semmai sollevato per aver pagato dazio in una sfida totalmente inutile per la sua squadra, con lo scudetto già cucito sulle maglie e la fisiologica necessità di tirare il fiato.

Chiudendo la striscia di 10 vittorie consecutive bianconere (25 nelle 26 partite post-Sassuolo), l'Hellas Verona ha messo a nudo per una sera le difficoltà dei bianconeri: nessun problema di corsa o condizione fisica, ma evidenti limiti di concentrazione e precisione nel gioco, simboleggiati dalla prestazione insufficiente a centrocampo dei vari Sturaro, Lemina e Asamoah.

La sconfitta è stata analizzata in tutte le sue pieghe e ha lasciato un solo dubbio in vista della finale di Coppa Italia: quanto perde la Juventus senza Marchisio e Khedira? Entrambi non saranno infatti presenti all'Olimpico il 21 maggio contro il Milan e le riserve hanno dimostrato nel corso di tutta la stagione di non essere capaci di colmare adeguatamente il gap.

Contro i rossoneri il perno tornerà quindi a essere Pogba, squalificato contro il Verona. Chi con lui? Le indicazioni dell'andata dicono Lemina o Hernanes nel ruolo di registi e Sturaro a fare quantità. Allegri, però, deve essere sicuro che tutti riattacchino la spina dopo la mezza vacanza di Verona. Nella festa dell'ultima giornata contro la Sampdoria torneranno gli squalificati (Mandzukic, Hernanes e Lichsteiner, oltre al già citato Pogba), mancherà Alex Sandro e ci sarà appunto il test definito in vista della finale di Coppa Italia.

Quindi tutto diventerà anche tema di riflessione in vista del mercato estivo: la Juve deve crescere anche come qualità dei ricambi? In Italia basta quello che Allegri ha. In Europa, invece, potrebbe ancora una volta non essere sufficiente per dare l'assalto vincente alla Champions League.

© Riproduzione Riservata

Commenti