Calcio

La Juventus riparte da Allegri: contratto fino al 2020

Ingaggio da top manager e controllo sul nuovo ciclo che partirà dopo il Mondiale in Russia. Così Max ha spazzato via i dubbi

Allegri Juventus errori arbitrali

Giovanni Capuano

-

La Juventus riparte da Massimiliano Allegri: rinnovo di contratto fino al 2020, oltre la data ipotizzata del 2019 per evitare che iniziasse la prossima stagione in scadenza, scenario che non avrebbe garantito il tecnico e nemmeno la società. L'intesa è stata raggiunta rapidamente dopo l'epilogo di Cardiff. Il prolungamento porterà in dote anche un adeguamento di stipendio a livelli da top manager con punte vicine agli 8 milioni di euro.


Allegri aveva spesso ripetuto negli ultimi mesi che la volontà era di restare a Torino, anche se le sirene estere (Parigi e Londra in particolare) suonavano forti. La firma sul contratto non fa altro che confermare quanto detto. E anche da parte della società è un premio alla stagione straordinaria conclusa con scudetto, Coppa Italia e finale di Champions League. La caduta di Cardiff non ha fatto cambiare i piani.

Contratto lungo: tutti i significati

Aver allungato al 2020, però, assume un valore particolare perché proietta Allegri oltre il Mondiale del 2018 che per molti bianconeri è l'obiettivo di fine carriera. Non si tratta solo di un prolungamento tecnico, per legarsi la prossima stagione evitando i rischi della scadenza, ma di una vera e propria investitura.

Come in ogni rapporto di calcio, poi, dovrà essere il campo a rendere ancora più saldo il legame. Allegri dovrà continuare a vincere in Italia e a fare bene in Europa. Però è indubbio che l'attestato di stima e fiducia di Agnelli e Marotta lo renderà più forte agli occhi di giocatori e tifosi.


Il controllo dello spogliatoio - Quella appena terminata è stata una stagione tormentata per Allegri a livello di controllo del gruppo. La vicenda Bonucci, con la punizione ad Oporto, è stata l'apice di un'escalation interrotta solo dal pugno di ferro con il difensore. Ora il messaggio della Juventus è chiaro: Allegri gode di fiducia incondizionata e saranno gli altri a doversi adeguare. Un po' come nella seconda parte dell'annata, quando Max ha cambiato stile e passo.

Le idee di mercato - Il potere di Allegri aumenterà anche sul mercato. La Juventus è un club con una linea gerarchica precisa e gli allenatori non hanno funzione di manager all'inglese. Però è indubbio che la prospettiva di un triennio ancora insieme consente al tecnico di dire la sua su strategie che porteranno al ricambio generazionale.

In assoluto l'assalto alla Champions 2018 deve passare dall'innesto di qualche pedina di qualità assoluta e già pronta all'uso. Calciatori che sanno come si vince in Europa e sono in grado di tracciare la strada per gli altri. Loro subito e gradualmente i giovani di valore su cui la Juve sta già lavorando: questo è il mix che ha convinto Allegri a rilanciare.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Juventus: ecco come ripartire dopo la finale persa a Cardiff

La conferma di Allegri, un mercato top e qualche scelta dolorosa. I bianconeri pianificano la Champions 2018 puntando a Kiev

Juventus, Champions League ricca: incassati oltre 127 milioni

La sconfitta in finale porta il conto a una cifra di primato tra premi e diritti tv. E' record (anche senza Triplete)

Maledizione Juventus: il Real Madrid è campione d'Europa!

Cocente delusione a Cardiff nella finale della Champions League. Storico bis per Zidane

Champions vietata: Juve, questa sconfitta non è a testa alta

A Berlino la squadra di Allegri era andata oltre i suoi limiti. Contro il Real Madrid un ko che sa di tradimento

Commenti