Braschi al bivio per Juve-Napoli: Orsato o Rizzoli?

Fuori gioco tutti gli altri internazionali. Il primo è favorito, ma il secondo è il top. Se non fosse che a Pechino era giudice di porta...

RizzoliOrsato

Orsato e Rizzoli candidati a dirigere la sfida tra Juventus e Napoli – Credits: La Presse

Giovanni Capuano

-

Orsato o Rizzoli. Magari Damato, ma difficile. Sono ore di riflessione per Braschi chiamato al primo bivio importante della stagione e reduce da una domenica in cui i suoi arbitri ne hanno combinate di tutti i colori con l'exploit di Valeri nel derby di Milano. A chi affidare la sfida tra Juventus e Napoli che nasce all'insegna delle polemiche e certamente verrà vivisezionata alla ricerca di un errore di arbitro e assistenti?

Scelta difficile per il designatore che ha fin qui 'bucato' la designazione di Milan-Inter (Valeri inadeguato) e registrato qualche problemino di troppo per Tagliavento, in altri tempi una garanzia per i big match. Lui che era reduce dal gol fantasma di Muntari del febbraio scorso e che per questo era rimasto senza partite di Juve e Milan per il resto della stagione, in questo autunno non ha brillato: male in Bologna-Milan, contestato in Samp-Napoli. Abbastanza per metterlo fuori dai giochi al pari di altri internazionali potenzialmente inseriti nella griglia dei designabili.

Mazzoleni? Impossibile essendo stato l'arbitro dell'accesissima sfida di Pechino. Valeri? Improponibile dopo il derby. Rocchi? Bene quest'anno ma pesano i disastri di un anno fa con anche il Napoli (vittoria a San Siro tra mille polemiche) coinvolto. E fuori anche De Marco, Banti e Bergonzi: i primi due già impegnato 4 volte e in gare di medio livello. Insomma, gira gira si torna ai tre nomi fatti all'inizio e che rispondono all'identikit tracciato per l'arbitro ideale della partita dello Juventus Stadium: non giovani, di personalità e con esperienza in partite in cui la pressione è enorme.

Il nome che tutti fanno è quello di Daniele Orsato, 36 anni, reduce da una buona direzione di gara in Fiorentina-Bologna, la quarta di una stagione iniziata così così e proseguita meglio. Per intenderci era lui l'arbitro che a Palermo (1° giornata) ha dato una mano alla squadra di Mazzarri ignorando un fallo da rigore di Maggio su Cetto e lui il fischietto che ha ignorato lo sgambetto di Raimondi su Boateng che ha penalizzato il Milan contro l'Atalanta (3° giornata). Insomma bene ma non benissimo. Eppure tutti puntano su di lui che ha un bilancio più o meno simile con entrambe le squadre. Ha diretto la Juventus 13 volte (4 vittorie, 6 pareggi e 3 sconfitte) compreso il 3-0 contro i partenopei dell'aprile 2012. Con il Napoli 14 gettoni (5/5/4 lo score) e nessun incidente di percorso particolare.

Eppure le scelte di Braschi nelle ultime settimane danno un'indicazione diversa e portano a Nicola Rizzoli, 41 anni, la punta di diamante dei nostri fischietti. Ha riposato nell'ultimo turno dopo aver diretto bene Genoa-Cagliari, Chievo-Lazio e, soprattutto, Juventus-Roma col ritorno di Zeman a Torino. Proprio questo potrebbe essere un ostacolo alla sua designazione insieme al ricordo di quanto accaduto a Pechino dove Rizzoli era il giudice d'area che convinse Mazzoleni a concedere il rigore del pareggio juventino per un contatto tra Fernandez e Vucinic. Rigore non scandaloso e che pure fu il via a proteste e polemiche.

Quanto peserà questo precedente? A Braschi converrebbe cautelarsi mandando il migliore a dirigere la partita più difficile, però è evidente che a Napoli la scelta verrà analizzata con cura. Rizzoli ha uno score negativo con il club di De Laurentiis: 20 gare e solo 3 vittorie con qualche contestazione nelle sfide contro Milan e Lazio nelle ultime due stagioni. Per Aia e Uefa è un arbitro top class, avvezzo alle pressioni: ha diretto una finale di Europa League (Atletico Madrid sul Fuhlam), ad Euro 2012 gli sono state affidate tre partite di altissimo profilo e ha nel curriculum anche la torrida finale di Coppa Italia 2010 (calci e risse tra Roma e Inter) e la Supercoppa 2011. Un ruolino che lo rende quasi inattaccabile non fosse per quella chiamata a Pechino. Braschi riflette e si preparara a sciogliere le riserve. Orsato o Rizzoli. Chi dei due per lo Juventus Stadium?

Segui anche su Twitter e Facebook

© Riproduzione Riservata

Commenti