Calcio

Tutto sul Monaco, avversario della Juventus nella semifinale Champions

I francesi non sono da sottovalutare. Mbappè nuovo fenomeno, problemi in difesa. Allegri ha tutto per andare alla finale di Cardiff

FBL-EUR-C1-MONACO-DORTMUND

Giovanni Capuano

-

Il sorteggio di Nyon ha regalato alla Juventus il Monaco come avversario nella semifinale di Champions League. Poteva andare peggio, visto che l'alternativa era il viaggio a Madrid contro Real o Atletico (che si incroceranno nell'ennesimo derby fratricida in Europa), ma i monegaschi non vanno sottovalutati. Sono la rivelazione di questa stagione e hanno il cuore leggero di chi non ha nulla da perdere.


Il Monaco è una squadra profondamente diversa rispetto alla Juventus. Ha un attacco formidabile, che in Ligue segna la media di tre reti a partita e anche in Champions viaggia a ritmi altissimi (21 nelle prime 10 gare), però in difesa concede moltissimo. Sarà il confronto tra il Muro juventino che ha sterlizzato i geni del Barcellona e la freschezza di Mbappè, nuovo talento del calcio europeo.

1131584

La Juventus parte certamente favorita dal pronostico nel doppio confronto con il Monaco. Ci sono, però, diverse ragioni per non sottovalutare il doppio impegno con i francesi che sono in corsa per vincere anche la Ligue1 strappandola al Psg.


Il genio di Jardim - Tutti parlano di Mbappè e Falcaom, terminali offensivi che segnano con grande facilità, ma il vero artefice del miracolo del Monaco è Jardim, portoghese che ama giocare all'attacco senza badare troppo alla fase difensiva. Chi lo segue negli allenamenti racconta di una capacità unica nell'insegnare calcio ai suoi che vanno a mille all'ora.

La stagione perfetta - In questa Champions League il Monaco ha già fatto vittime illustri. Ha battuto in trasferta il Tottenham nel girone e ha eliminato Manchester City e Borussia Dortmund nella seconda fase. Non ha paura di ritrovarsi in un clima ostile e la gioventù può trasformarsi in prezioso alleato per non far sentire troppo la pressione.

Il talento di Mbappè (e non solo) - Kylian Mbappè ha segnato 5 gol nelle prime 7 apparizioni in Champions come nessuno dei grandissimi del calcio europeo. E li ha fatti tutti nella seconda fase, quando pesano il doppio. Ma non c'è solo lui o Falcao: attenzione anche a Silva che è nei radar di molti club insieme a Bakayoko, centrocampista con caratteristiche quasi uniche per la fisicità e capacità di ribaltare l'azione.

La difesa punto debole - L'altro lato della medaglia sono i 16 gol incassati fin qui, quasi 2 a partita. Il Monaco non sa proteggeri e ha qualche falla soprattutto sul lato sinistro. Glik è una vecchia conoscenza del nostro campionato, ma non può paventare Higuain e Dybala. Raggi, che ora è riserva, in Italia non ha mai lasciato il segno. Insomma, c'è tutto per sperare nella qualificazione alla finale.

La scheda statistica del Monaco in questa Champions

La grande stagione del Monaco in Champions si riassume con questi numeri che fotografano alla perfezione l'andamento della squadra monegasca in Europa:

BILANCIO PARTITE - 6/2/2

GOL SEGNATI - 21

GOL SUBITI - 16

POSSESSO PALLA - 46%

TIRI VERSO LA PORTA - 12,2 per gara (15°)

TIRI IN PORTA - 4,8 per gara (7°)

PASSAGGI - 396 per gara (80% completati)

KM PERCORSI - 107,686 per gara

GOL DENTRO/FUORI AREA - 18/2 (un autogol)

CANNONIERE - Mbappè e Falcao 5 gol e 0 assist

RANKING UEFA - 29° (4° stagionale)

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Sorteggio semifinali Champions: le schede delle avversarie della Juventus

Real Madrid, Atletico Madrid e Monaco: la fotografia statistica delle squadre nell'urna di Nyon verso Cardiff

Juventus, eliminato il Barcellona: ora è la più forte della Champions League

Bianconeri imbattuti anche al Camp Nou. Ecco perché Real, Atletico Madrid e Monaco non devono spaventare Allegri

UEFA Champions League: le foto più belle

La lunga sfida dell'élite del calcio europeo nelle immagini migliori, fino alla finalissima del 3 giugno a Cardiff

Juventus, Champions League ricca: incassati oltre 127 milioni

La sconfitta in finale porta il conto a una cifra di primato tra premi e diritti tv. E' record (anche senza Triplete)

Commenti