Calcio

Doppio Morata, Juventus-Inter 3-0: la moviola della partita

Doppietta di Morata, che non segnava dal 4 ottobre, poi Dybala. Espulso Murillo e direzione di Tagliavento contestata da Allegri e Mancini

Juventus FC v FC Internazionale Milano - TIM Cup

Giovanni Capuano

-

Juventus-Inter 3-0 (Morata rig. 34' e 63', 83' Dybala)

Troppa Juve per l'Inter, anche senza giocare da subito con Dybala e soffrendo per quasi un tempo il pressing attento e coperto dei nerazzurri. La squadra di Allegri attraversa un periodo di forma straordinario e tutto le riesce tremendamente naturale, anche il recupero di Morata che non segnava dal 4 ottobre e griffa la semifinale con una doppietta: rigore e destro d'autore.

Il risultato regala ai bianconeri ben più di mezzo biglietto per la finale di Roma: sarà difficile per l'Inter pensare di ribaltare il confronto a marzo a San Siro partendo dal 3-0 dello Stadium. Gara che si è decisa a metà della ripresa quando, già avanti grazie al penalty di Morata, la Juventus ha trovato prima il raddoppio di Alvaro e poi è rimasta in superiorità numerica per l'espulsione di Murillo (doppio giallo). Da lì in poi non c'è più stata partita e Dybala ha messo il sigillo.

Mancini dovrà riflettere sulla sconfitta: la superiorità della Juventus è testimoniata anche dal fatto che per un'ora abbondante l'Inter non ha fatto una pessima partita. Al ritorno dovrà fare a meno di Murillo e Miranda, ammonito da diffidato. Altro problema che si aggiunge, anche se quello principale è la difficoltà a sviluppare una manovra all'altezza nella metà campo avversaria.

JUVENTUS (3-5-2): Neto; Caceres, Bonucci, Chiellini; Cuadrado, Asamoah, Marchisio, Pogba, Evra (dall'83' Alex Sandro); Morata, Mandzukic (dal 77' Dybala). Allenatore: Massimiliano Allegri

INTER (4-3-3): Handanovic; D'Ambrosio, Murillo, Miranda, Nagatomo; Medel, Kondogbia, Felipe Melo (dal 64' Brozovic); Biabiany (dal 77' Icardi), Ljajic (dall'80' Juan Jesus); Jovetic. Allenatore: Roberto Mancini

ARBITRO: Tagliavento di Terni

 

Primo tempo

Allegri costretto a cambiare all'ultimo a causa di un attacco influenzale di Sturaro che viene sostituito da Asamoah nel 3-5-2. Mancini modifica il modulo di gioco: 4-3-3 con centrocampo muscolare e tridente senza Icardi davanti.

1' - Prima azione della Juventus con lancio di Chiellini per Evra: il laterale è in posizione regolare ma non riesce ad agganciare il pallone che scivola sul fondo

2' - Occasione Juve con Asamoah innescato da Morata: il ghanese calcia da buona posizione ma colpisce male il pallone e non trova la porta

5' - Scontro tra Nagatomo e Cuadrado a centrocampo e il giocatore della Juventus resta a terra dolorante. Tagliavento lascia correre e fa bene perchè Nagatomo prima colpisce il pallone

9' - Prima conclusione dell'Inter ed è di Medel che mette fuori dal limite dopo un'azione articolata e ben congegnata dai nerazzurri che stanno progressivamente alzando il baricentro

10' - Felipe Melo dalla lunga distanza: palla centrale e parata senza problemi da Neto

13' - Handanovic costretto all'uscita di testa al limite dell'area di rigore su Mandzukic dopo aver fatto rimbalzare due volte il pallone forse valutando male la traiettoria: poi fallo con punizione per la Juventus

14' - La Juventus chiede rigore per un tocco netto di braccio di Medel su punizione di Cuadrado: fallo evidente e movimento non congruo del cileno che commette un'ingenuità clamorosa ma viene graziato

18' - Ammonito Bonucci per fallo su Ljajic: entra in ritardo e lo sgambetta

21' - Azione personale di Cuadrado che dal limite cerca lo specchio della porta di Handanovic ma mette sul fondo

32' - Colpo di testa di Jovetic su traversone di Ljajic e palla che va sul fondo. Inter che sta cercando di ribattere colpo su colpo a una Juventus che ha il predominio a centrocampo. Bella partita

34' - Rigore per la Juventus per contatto tra Murillo e Cuadrado che va a terra su una spallata energica del difensore (poi ammonito): decisione complicata (ma giusta) perché il colombiano sembra in vantaggio, ma appoggia sulla schiena di Cuadrado il gomito sinistro e spinge lo juventino. Morata realizza. La Juventus protesta per la mancata espulsione di Murillo: avendo deciso per il fallo, non si capisce perché Tagliavento non punisca un intervento che toglie alla Juventus una chiara occasione da rete.

42' - Sinistro di Marchisio dalla lunga distanza e palla che gira sull'esterno e non trova lo specchio della porta di Handanovic

45' - Ammonito Miranda che era diffidato e salterà la gara di ritorno

Secondo tempo

Nessun cambio nelle due squadre che sono in campo con gli stessi undici di partenza

4' - Sponda di petto di Mandzukic e conclusione di Cuadrado respinta col corpo da Murillo

6' - Proteste dell'Inter perché Tagliavento ferma un'azione offensiva dei nerazzurri per soccorrere Chiallini caduto a terra in area dopo un contatto con Felipe Melo

15' - Gara che adesso ha ritmi più lenti con i nerazzurri che cercano sblocchi ma faticano a liberare un uomo al tiro e Juventus che controlla e riparte

18' - Raddoppio della Juventus con girata violenta di destro di Morata che finisce sotto l'incrocio dei pali. La difesa dell'Inter aveva appena murato con Biabiany un diagonale di Mandzukic senza, però, riuscire ad allontanare il pallone dall'area

21' - Colpo di testa insidioso di Murillo sugli sviluppi di una punizione e parata in tuffo di Neto che salva la sua porta

25' - Espulso Murillo che affonda Cuadrado lanciato in velocità al limite dell'area di rigore: già ammonito, prende il secondo giallo. Sugli sviluppi della punizione provvidenziale deviazione in angolo della barriera nerazzurra

31' - Proteste dell'Inter per un tocco sospetto di Caceres su girata mancata da Jovetic: le immagini chiariscono, però, che il pallone va sul petto del difensore che è molti vicino e sorpreso dal liscio del nerazzurro. Non paiono esserci gli estremi per il rigore

33' - Errore di Morata a un passo dalla tripletta su assist di Pogba: il suo piattone davanti ad Handanovic finisce alto sulla traversa

38' - Terzo gol della Juventus con un rasoterra dal limite di Dybala, appena entrato al posto di Mandzukic. Inter che è sparita dal campo dopo essere rimasta in dieci uomini e la squadra di Allegri sta dilagando nel finale

44' - Ammonito Kondogbia che insegue e mette a terra Chiellini. Poco prima Tagliavento aveva graziato Pogba per un intervento in ritardo e duro su Nagatomo

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Campionato 2015-2016: la classifica senza errori arbitrali

Squadra per squadra, dalla prima all'ultima giornata di Serie A, tutte le sviste che valgono punti in più o in meno

Commenti