Tacchinardi: ''Qualificazione compromessa. Giovinco? Non può dare di più''

Un grande ex della Juventus ci aiuta a rispondere alle 10 domande sulle difficoltà dei bianconeri in Europa

Giovinco Nordsyaelland

Sebastian Giovinco non ha ancora realizzato una rete in Champions – Credits: La Presse

Giovanni Capuano

-

Il mondo-Juve si interroga sulle difficoltà della squadra in Europa e si scopre più fragile di quanto pensasse. Cosa succede appena varcati i confini? Lo abbiamo chiesto a un grande ex come Alessio Tacchinardi che conosce bene le dinamiche anche recenti dell'ambiente bianconero. Ecco come ha risposto alle nostre '10 domande sulla EuroJuve' partendo dalla considerazione che il cammino in questa Champions rischia di essere compromesso.

1 - QUANTO PESA L'ASSENZA DI CONTE?

Tantissimo soprattutto nei momenti di difficoltà. Avere con te l'allenatore è determinante nell’intervallo. Io non so se Conte, Alessio e Carrera decidano davvero i cambi in albergo, ma è certo che stando a bordo campo puoi guardare i tuoi uomini negli occhi e intervenire. Mancata la scossa in momenti di difficoltà.

2 - IL NORDSJAELLAND E' STATO SOTTOVALUTATO?

Non penso, ma è la Juventus è una squadra che deve viaggiare al massimo dei giri e le due partite steccate in Champions sono dovute alle fatiche contro Roma e Napoli, fisiche e mentali. Se cala l'intensità emergono i difetti. Vucinic è imprescindibile come Asamoah, Marchisio, Vidal e Pirlo purché in buone condizioni. Se mancano il gioco diventa prevedibile.

3 - LA QUALIFICAZIONE E' COMPROMESSA?

Io sono molto preoccupato. Lo Shakhtar è un'ottima squadra e fa paura e il Chelsea è più forte dell'anno scorso. La verità è che non doveva esserci il passo falso in Danimarca. Adesso agguantare la qualificazione è diventato molto difficile

4 - LA JUVENTUS E' COMPETITIVA IN EUROPA?

Il campionato italiano si è abbassato di livello e la Juventus lo può solo perdere. In Europa però non basta. E’ competitiva ma non per pensare di vincere la Champions

5 - MANCA IL TOP PLAYER CERCATO IN ESTATE?

Non è stato un errore strategico perché hanno fatto il possibile per portarlo. Juventus sta facendo qualcosa di straordinario con campioni e senza top player, ma in Europa non basta. Lo sanno anche loro e sicuramente correranno ai ripari. L’anno prossimo l'investimento su un fuoriclasse sarà un sacrificio necessario.

6 - GIOVINCO RISCHIA LA BOCCIATURA?

Penso ci siano fuoriclasse, campioni, grandi giocatori e giù a scendere, e penso che le maglie che si indossano pesano. Per stare nella Juve devi fare qualcosa in più ma non è colpa di Giovinco. E’ un buonissimo giocatore che ha fatto bene a Parma, ma ce ne sono altri che poi hanno mancato il salto di qualità. Non bisogna aspettarsi molto di più. Può fare bene, ma non cambia la squadra come Cavani o Trezeguet.

7 - PERCHE' QUAGLIARELLA VIENE EMARGINATO?

Non lo so. La sensazione dall’esterno è che voglia tenerlo sulla corda per farlo rendere al massimo. Ha bisogno di essere incazzato per rendere al meglio. Fuori per le parole su Zeman? Non lo credo possibile.

8 - POGBA E' SOLO IL VICE-PIRLO?

Il francese deve avere qualche minuto in più soprattutto adesso che Vidal sta calando. Può giocare anche insieme a Pirlo e consentire di mettere qualche attaccante in più o cambiare modulo. E’ già utile e spendibile perché ha personalità ed è un grande giocatore.

9 - LUCIO E' STATO UN BUON AFFARE?

Penso sia stato un discreto affare. Ha personalità e deve sentirsi più importante. Sta soffrendo l’idea di non sentirsi indispensabile per la squadra

10 - MA DEL PIERO NON POTEVA VENIRE UTILE IN EUROPA?

Sul Del Piero sfondi una porta aperta. Poteva fare benissimo. Hanno voluto chiudere un’epoca e togliere un elemento che poteva essere un fastidio per gli altri nello spogliatoio. Io però avrei tenuto Immobile che i gol li sa fare, conosce il campionato italiano e avrebbe avuto certamente più fame di Bendtner nel giocarsi le poche chances messe a disposizione.

Seguimi anche su Twitter e Facebook

© Riproduzione Riservata

Commenti