Calcio

Juve: festa scudetto, ricordo dell'Heysel e la vergogna dei soliti cori

Emozione e lacrime allo Stadium: celebrate le 39 vittime della finale di Bruxelles. Insulti ai napoletani: rischio squalifica?

Juve 16

Giovanni Capuano

-

Juventus-Napoli è stata anche la giornata della festa per il popolo bianconero che ha celebrato la conquista dello scudetto e della Coppa Italia. In campo anche i figli dei giocatori prima della cerimonia di consegna dei trofei. C'è stata anche commozione nel ricordo delle 39 vittime dell'Heysel: l'anniversario cade il prossimo 29 maggio (trentennale) e i tifosi hanno colorato lo stadio con i nomi dei morti di Bruxelles al minuto numero 39 del primo tempo. Peccato che tutto sia stato preceduto dai soliti cori contro i napoletani inneggianti a Vesuvio e colera. La Curva Sud, già aperta in attesa di sentenza d'appello per la doppia squalifica dopio i fatti del derby di Torino, rischia un nuovo stop?

 
© Riproduzione Riservata

Leggi anche

la Pallonata - La solitudine di Pallotta contro idioti e insensibili

Il presidente della Roma ha dato il segnale e nessuno l'ha seguito: insultato dai tifosi, smentito da Garcia e nessuno che lo abbia plaudito o difeso

la Pallonata - I cori sull'Heysel e il silenzio dei Della Valle

Nella semifinale Fiorentina-Juventus solita colonna sonora di ingiurie sui morti bianconeri. Perché i patron viola non prendono posizione?

Tosel, sentenza esemplare ed esagerata (ma la Juve dia un segnale)

Nessuna attenuante, precedenti trattati solo con multe e certezze non assolute: ecco perché la chiusura per 2 giornate della curva è eccessiva

Commenti