Calcio

Immortale Rivaldo, segna a 43 anni con il figlio nella stessa partita

I due giocano insieme in Brasile, nel Mogi Mirim. L'unico precedente nella storia del calcio risale al 2010 tra i dilettanti inglesi

1201194-25095173-1600-900

Matteo Politanò

-

Un pezzo di storia del calcio contemporaneo non ne vuole sapere di appendere le scarpe al chiodo. Rivaldo è tornato al gol a 43 anni nella stessa partita in cui il figlio 20enne ha segnato una doppietta con il Mogi Mirim, club di seconda divisione brasiliana di cui l'ex attaccante e fantasista Milan e Barcellona è anche presidente, battendo 3-1 il Macaè in campionato.

Rivaldo, campione del mondo nel 2002 con la Seleçao, ha realizzato su rigore uno dei tre gol della partita: pochi minuti prima suo figlio Rivaldinho aveva aperto le marcature proprio su un assist del celebre papà per poi di firmare il tris poco prima dell'intervallo. Non è la prima volta che Rivaldo, uscito al 50', e Rivaldinho giocano insieme, è la prima volta però che vanno a segno entrambi nella stessa partita.

L'unico precedente simile nella storia del calcio risale al 13 novembre del 2010, protagonisti Osman e Naeem Sidik nel Whalley Range in una gara tra dilettanti in Inghilterra. "E' un premio molto importante nella mia vita - afferma Rivaldo -. E' bello, dopo 15 mesi di stop, tornare e giocare ancora con mio figlio in più facendo gol entrambi. Ho sentito di padre e figlio giocare insieme, ma è certamente la prima volta che segnano vanno a segno in una partita ufficiale".

Emozionato anche Rivaldinho, classe 1995: "Pochi hanno la mia fortuna, quella di avere un campione del mondo in casa...Ringrazio Dio per tutto questo e per avere lui come padre, è una persona che mi dà ispirazione e forza nei momenti difficili. So solo io cosa ho vissuto in questi ultimi mesi eppure mio padre non mi ha mai fatto mancare l'appoggio".

© Riproduzione Riservata

Commenti