Il derby dei veleni: multe per Balo e per l'Inter

Il Giudice sportivo sanziona i cori razzisti contro SuperMario e il suo gesto volgare. Ma Delio Rossi...

Mario Balotelli – Credits: Getty Images Sport

Giovanni Capuano

-

Il sderby dei veleni e degli sfottò a rischio razzismo finisce a multe. Ce n'è una per tutti o quasi i protagonisti di Inter-Milan. Con qualche sorpresa perché, ad esempio, il gesto volgare di Balotelli verso i tifosi dell'Inter (mani sui genitali) viene punito con una sanzione mentre poche settimane fa il dito medio alzato da Delio Rossi era costato due giornate di squalifica.

Il Giudice Tosel comunque ha avuto da lavorare sulla sfida di San Siro dove non tutto è filato liscio come era stato raccontato nelle ore successive alla gara. La mazzata più dura è per l'Inter, punita per una serie di cori razzisti nei confronti dei giocatori di colore del Milan. Il Giudice valuta la recidiva specifica della Curv Nord e multa per 50.000 euro la società "per avere suoi sostenitori: 1) all'11° del primo tempo, all'11°, 15°, 16° e 19° del secondo tempo, indirizzato grida e cori costituenti espressione di discriminazione razziale ad un calciatore della squadra avversaria; 2) al 30° del primo tempo e al 44° del secondo tempo, indirizzato analoghi cori nei confronti di altro calciatore della squadra avversaria; 3) al 12°del primo tempo ed al 34° e 37° del secondo tempo, esposto quattro striscioni dal contenuto insultante nei confronti di un calciatore e dei sostenitori della squadra avversaria; 4) nel corso del primo tempo e al 30° del secondo tempo, indirizzato in varie circostanze un fascio di luce-laser sul terreno di giuoco, nonostante reiterati inviti a desistere da tale riprovevole comportamento"

Cori evidentemente non arrivati all'orecchio dei responsabili delle forze dell'ordine visto che il Questore in persona alla vigilia aveva ricordato come la gara avrebbe potuto essere sospesa in caso di manifestazioni di odio razziale. Anche il Milan ha preso 10.000 euro di multa "per avere suoi sostenitori, al 6° del primo tempo, al 36° e 39° del secondo tempo, esposto tre striscioni dal contenuto insultante nei confronti di un calciatore e dei sostenitori della squadra avversaria".

Poi c'è il capitolo Balotelli. Il giocatore è uscito dal campo con le mani sui genitali mostrandoli al pubblico dell'Inter. Gesto che il Giudice definisce "plateale ed insultante" e che è stato visto e annotato da un uomo della Procura federale. Arbitro e assistenti non si erano accorti di nulla, altrimenti sarebbe scattato il cartellino rosso. Così il gesto vale 10.000 euro di multa. Un buffetto in confronto al trattamento riservato a Delio Rossi dopo Sampdoria-Roma: dito medio, espulsione e 2 giornate di squalifica.

© Riproduzione Riservata

Commenti