Calcio

Icardi ci crede: "L'Inter può vincere lo scudetto"

I nerazzurri ripartono dal bomber argentino: "Nello spogliatoio c'è voglia di festeggiare una grande vittoria"

Mauro Icardi

Matteo Politanò

-


La nuova stagione dell'Inter è iniziata e il suo riferimento in attacco non è cambiato. Mauro Icardi, capocannoniere della scorsa stagione con 22 gol alla pari di Luca Toni, ha rinnovato il suo accordo con il club fino al 2019 ed è pronto a guidare la squadra in quello che dovrà essere il campionato del riscatto. "I dirigenti stanno costruendo una squadra forte e in grado di tornare subito in Champions: hanno fatto investimenti importanti e hanno cambiato molto rispetto allo scorso anno. L'obiettivo è riportare l'Inter ai primi posti. Lo scudetto? Dobbiamo crederci e possiamo far bene. Riportare l'Inter in alto è quello che vogliamo. Il desiderio di festeggiare nello spogliatoio una grande vittoria lo abbiamo tutti e speriamo che possa concretizzarsi già quest'anno".

Dopo le difficoltà nel rinnovo è arrivato il nuovo matrimonio con i colori nerazzurri: "Sentivo le voci di altre società che mi volevano, ma io e la mia famiglia stiamo bene a Milano e sinceramente non volevo niente di diverso dal rinnovo del contratto". Che puntualmente, a fine stagione è arrivato, anche con l'aiuto della moglie, Wanda Nara: "Lei mi ha sempre assistito nella trattativa", precisa Icardi. "La Juve? E' bello segnarle sempre, quelle di Pirlo e Tevez sono partenze importanti ma sono stati sostituiti con giocatori di valore".

Sulle voci che riguardano Ibrahimovic: "Non penso arriverà perche' sta bene a Parigi, ma è un top player, come Messi. Mancini? Il mio rapporto con lui è cresciuto". Un sogno nel cassetto: "Mi piacerebbe indossare la maglia della Nazionale e vincere con quella addosso dopo essermi tolto tante soddisfazioni con l'Inter", conclude. 

© Riproduzione Riservata

Commenti