Calcio

Higuain, l'uomo dai gol d'oro. La Juventus ha trovato il suo tesoro

Ha deciso il derby, segna con le medie di sempre (12 gol stagionali) e sta facendo fruttare i 90 milioni spesi per strapparlo al Napoli

FBL-ITA-SERIEA-TORINO-JUVENTUS

Giovanni Capuano

-

Due lampi per accecare il Torino, vincere il derby di rimonnta e battere anche Belotti nella sfida tra centravanti con clausole milionarie. Gonzalo Higuain si è preso tutto in un pomeriggio e in novanta minuti ha ripagato la Juventus dei soldi (90 milioni) spesi in estate per strapparlo al Napoli. Cancellate le critiche e le polemiche. La differenza l'ha fatta lui tornando quello per cui Marotta ha deciso di dichiarare guerra a De Laurentiis.

La domenica del Grande Torino resterà quella in cui il Pipita si è definitivamente rivelato ai suoi nuovi tifosi. Aveva già segnato ed erà già stato decisivo, ma l'impatto della doppietta contro i cugini granata è notevole e lancia Allegri verso la fuga in classifica in attesa di scoprire chi sia davvero l'anti Juventus. Il paradosso è che la consacrazione arrivi nel giorno in cui il Napoli, orfano di Higuain, supera il numero di gol segnati con l'argentino in campo un anno fa.

La stagione di Higuain: 9 gol da 8 punti

Allegri può sorredere anche se il lavoro di amalgama con il resto del reparto è tutto da completare. Il rientro di Dybala aiuterà, anche se ci sono da sistemare gli equilibri interni con un Mandzukic per nulla contento di essere stato sostituito contro il Torino, ma Higuain rimane una sentenza. Qualche numero della sua prima parte di stagione: 12 reti segnate di cui 9 in campionato e 3 in Champions League. Un anno fa era a 16 (14 più 2 in Europa League).

Gol quasi sempre pesantissimi. Sono valsi sin qui 8 punti ai bianconeri: zampata della vittoria nel 2-1 contro la Fiorentina, doppiette nel 3-1 col Sassuolo e nel derby e gol spacca Napoli nel confronto diretto con la sua ex squadra. Difficile chiedere qualcosa in più a un attaccante che sta tirando in porta metà delle volte rispetto a quanto faceva con i partenopei, ma che ha conservato una straordinaria capacità di fare male quando serve.

Juve senza soste (ma il gioco può migliorare)

Un Higuain così serve anche ad Allegri per mascherare qualche limite di gioco. Anche il derby non ha spazzato via tutte le nubi, pur essendo stato una sfida vibrante e ricca di colpi di scena. Mihajlovic ha pensato di poterlo vincere e ci ha provato inserendo anche le quattro punte nel finale, la Juventus lo ha fatto suo con la qualità dei suoi uomini. La doppietta di Higuain e le giocate dalla panchina di Dybala e Pjanic, due costati insieme quasi 80 milioni di euro e gettati nella mischia nel finale.

Al momento l'abisso tra la Juve e le altre in campionato è soprattutto questo. Impossibile resistere a un divario così, malgrado la classifica dica che alle spalle del campioni d'Italia si sta correndo velocissimo. Due numeri per dare il parametro del campionato fin qui: Allegri viaggia con una media punti che varrebbe quota 92-93 a maggio mentre Roma e Milan sono oltre gli 81. Come un anno fa la sfida per la Champions League.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Napoli, è tornata la macchina da gol. Meglio di un anno fa con Higuain...

Sarri di nuovo irresistibile, Mertens scatenato. Vittoria larga a Cagliari e i numeri dicono che il Pipita può non essere rimpianto

Commenti