Calcio

Garcia verso l'esonero: ecco i possibili allenatori della Roma

Pallotta ha deciso di licenziare il tecnico francese. Da Spalletti a Leonardo, la rosa dei sostituti (fino a giugno)

Rudi Garcia

Giovanni Capuano

-

Il pareggio dell'Olimpico contro il Milan è stato fatale a Rudi Garcia. "Sono disgustato" ha fatto sapere Pallotta da Boston dopo aver assistito al secondo tempo dei giallorossi, dominati dalla squadra di Mihajlovic e salvati solo dalla fortuna. La posizione in classifica (-7 dal Napoli capolista e -5 dalla zona Champions League) e la prospettiva di una lunga e lenta agonia fino a giugno hanno fatto il resto.

La proprietà americana ha virato decisamente sull'ipotesi dell'esonero immediato del tecnico arrivato nell'estate del 2013 e che ha un contratto da 2,8 milioni di euro netti fino al 2018. Il viaggio negli Stati Uniti del dg Baldissoni, già previsto per altre questioni, non ha fatto altro che accelerare il processo interno a Garcia che conta il solo Sabatini come estremo difensore.

Pallotta è furioso anche per l'attacco che l'allenatore ha riservato allo staff dei preparatori e dei medici scelto personalmente dal presidente. Garcia aveva sottolineato la situazione fisica preoccupante della squadra e Pallotta gli ha risposto con durezza: "La condizione atletica è molto buona e questo è un fatto. Penso però che manchi la mentalità vincente, ma sto risolvendo il problema". Più di un indizio, insomma, anche se la scelta del successore non è semplice.

 

Spalletti in pole, ma serve un traghettatore

In pole positione per il posto di Garcia c'è sempre Luciano Spalletti, che è finalmente libero dal lungo e oneroso contratto con lo Zenit San Pietroburgo e che tornerebbe volentieri in una piazza che lo ha amato e nella quale ha sfiorato lo scudetto. La Roma lo prenderebbe volentieri, ma c'è il nodo dell'accordo perché al momento la figura cercata è quella di un traghettatore per sei mesi per poi cercare di convincere Antonio Conte, su cui ci sono anche gli occhi del Milan e del Chelsea e di chissà quale altra big europea.

Spalletti chiede due anni e mezzo di contratto e così è difficile arrivare a un accordo. E' lo stesso problema che la Roma trova con Lippi, Capello, Bielsa o un big attualmente libero su piazza. Ecco così farsi largo l'idea di Leonardo, che non allena da un po' dopo le esperienze con Milan, Inter e Psg: potrebbe traghettare fino a giugno e poi, magari, entrare nello staff societario che vivrà una profonda rivoluzione a fine stagione.

L'ultima strada porta alla soluzione interna e il nome è quello di Alberto De Rossi, tecnico della Primavera giallorossa e padre di Daniele. Sicuramente sarebbe ben accolto dalla squadra ed è molto legato a Sabatini che, però, insiste per la conferma di Garcia e spesso ha legato anche il proprio destino a quello dell'allenatore.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Juventus, nona vittoria: rimonta e duello col Napoli

Successo a Marassi contro la Sampdoria. Titolo d'inverno a Sarri, ma Allegri aggancia l'Inter e sogna lo scudetto

Napoli campione d'inverno, scudetto al 69% (o anche di più)

L'Inter crolla, sorpasso dei partenopei e la statistica dice che... Ecco tutti i precedenti nel girone d'andata

Serie A, tutti gli allenatori esonerati della stagione (e il bilancio dei nuovi)

Ecco l'elenco dei tecnici licenziati nel 2015-2016, quanti punti hanno fatto e come si stanno comportando i loro successori

Commenti